Calciomercato Juventus, Pogba o Eriksen a gennaio: la strategia

A gennaio la Juventus potrà tentare l’affondo per uno tra Paul Pogba e Christian Eriksen grazie ad una strategia che porterà soldi in entrata

Juventus Pogba Eriksen
Paul Pogba (Getty Images)

Il pareggio con l’Atletico, arrivato con una clamorosa rimonta subita, ha scombussolato l’ambiente juventino, che sperava in una diversa gestione della gara da parte del nuovo tecnico Maurizio Sarri. Per l’ex Chelsea e Napoli, però, ci saranno tempo e modo per rifarsi e per riprendere alla grande il torneo europeo. Intanto la dirigenza non ha interrotto il proprio ossessivo lavoro per migliorare la rosa, che ad oggi conta ancora qualche esubero non smaltito durante il calciomercato estivo. Sono infatti con un piede fuori dall’uscio di casa calciatori come Mattia Perin (arrivato lo scorso anno ma chiuso, attualmente, dal ritorno di Buffon) e Marko Pjaca, a detta del suo agente erede di Cristiano Ronaldo ma che in realtà, dal portoghese, non ha ereditato un granché. Poi ancora andranno via Mandzukic, escluso dai piani del nuovo tecnico e, probabilmente, Dybala, utilizzato molto poco fin qui.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

Juventus Pogba Eriksen, 120 milioni per l’affondo

Alle casse bianconere, dunque, dovrebbe arrivare a gennaio un tesoretto consistente, intorno ai 120 milioni, con il quale poter provare l’affondo per uno dei due grandi obiettivi del centrocampo: Paul Pogba e Christian Eriksen. I due calciatori, seguiti con insistenza anche dal Real Madrid, sono in rottura con, relativamente, Manchester United e Tottenham e gradirebbero la piazza bianconera.

LEGGI ANCHE —> Milan-Inter, Giampaolo contro Conte: ecco il derby delle panchine

Petrachi ha corteggiato entrambi durante la sessione estiva di mercato, ma l’evolversi degli eventi ha portato poi ad un nulla di fatto. Un nuovo e più deciso tentativo, grazie alla strategia della cessione degli esuberi, potrebbe arrivare nel mercato di riparazione. La società potrebbe portare a Sarri un grande nome per soddisfarne le esigenze tattiche e far divampare un ‘incendio’ nel freddo inverno torinese.

M.D.A.