Home Mercato Juventus Juventus, Marchisio dice addio al calcio: ecco le tappe della sua carriera

Juventus, Marchisio dice addio al calcio: ecco le tappe della sua carriera

CONDIVIDI

Claudio Marchisio oggi  annuncia il suo addio al calcio giocato. Ecco le tappe più importanti della sua carriera

Claudio Marchisio Juventus (Getty Images)
Claudio Marchisio Juventus (Getty Images)

Come si dice in questi casi, è giunto il momento di appendere gli scarpini al chiodo. E’ quello che ha deciso di fare Marchisio dopo una carriera vissuta quasi esclusivamente con la Juventus, di cui è tifoso da sempre. Come ogni Principino che si rispetti, la sua è una vera favola d’amore con la Vecchia Signora. Il giocatore a 7 anni entra nel vivaio bianconero, fa tutta la trafila nelle giovanili, indossa anche la fascia da capitano e vince molti trofei. Inizia la sua carriera da attaccante, prima di diventare uno dei più forti centrocampisti in circolazione. L’esordio tra i professionisti avviene nel 2006 in Serie B, quando Calciopoli condanna la Juventus: ad agosto nel match di Coppa Italia contro il Martina, in campionato contro il Brescia tre mesi dopo.  Nella stagione successiva passa in prestito all’Empoli, con cui debutta in A. Nel 2008 torna in bianconero, in quella che considera la sua casa.

Per tutte le notizie più importanti della giornata CLICCA QUI!

Juventus, Marchisio una carriera da campione

Leggi anche – Juventus, dalla Spagna: il Real si muove per Eriksen

Il centrocampista torna a Torino negli anni della ricostruzione post Calciopoli. Dopo qualche stagione di difficoltà del club, nel 2011 la svolta con l’arrivo di Conte: insieme a Pogba, Vidal e Pirlo formano uno dei centrocampi più forti al mondo. Tre scudetti consecutivi e 2 Supercoppe italiane. Poi l’era Allegri, con il quale Marchisio conquista 4 campionati consecutivi, 4 Coppe Italia e 1 Supercoppa italiana. Ad aprile 2016  il Principino subisce un brutto infortunio al ginocchio sinistro e resta lontano dai campi per sei mesi. Lo scorso anno, da svincolato, si trasferisce allo Zenith di San Pietroburgo, dopo aver sperato invano in un rinnovo con la Juventus: negli 11 anni bianconeri il bilancio è di 389 presenze e 37 gol. Il giocatore nato a Torino vince il titolo russo, ma ad aprile subisce un nuovo infortunio al menisco. Rispetto alla Nazionale, Marchisio debutta con Lippi a 23 anni, sotto la guida di Prandelli conquista l’argento agli Europei che si sono svolti in Polonia e Ucraina nel 2012. 

Q.G.