Juventus, ‘caso’ Suarez | L’esaminatore allo scoperto

Arrivano le parole dell’esaminatore di Luis Suarez e dell’esame di italiano avvenuto quando la trattativa per approdare alla Juventus sembrava ormai conclusa

Sta facendo discutere il caso di Luis Suarez e il suo esame per ottenere la cittadinanza italiana all’Università per Stranieri di Perugia, per poi accasarsi alla Juventus. A tal proposito, il professore Lorenzo Rocca, che ha esaminato l’attaccante uruguaiano, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di ‘Repubblica‘. Di seguito, le sue dichiarazioni: “E’ stato come quando un alunno che merita 5,5 e il professore gli mette 6. Un po’ stirato. Pressioni della Juventus? Non ho mai parlato con nessun dirigente, nemmeno con Paratici“. Chiarisce la sua posizione Rocca, che prosegue: “Delle convenzioni con il club dovete chiedere a Olivieri, lo diceva lui. Forse la fede calcistica dei dirigenti dell’Università ha avuto un peso

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, proposta dal Barcellona | Risposta a sorpresa

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, beffa da Juventus e Atalanta | Sfumano gli esterni

Suarez Juventus
Luis Suarez (Getty Images)

Juventus, il prof. Rocca parla dell’esame di Suarez

L’intervista al professore Lorenzo Rocca è poi continuata così: “L’esame è parlato, si ha una comprensione. Sapeva rispondere, c’è l’ascolto. Domande anticipate? Abbiamo chiarito coi pm“. Successivamente il professore dell’Università di Perugia si è soffermato sul pdf delle risposte: “Con Suarez non ho avuto alcun tipo di contatto. Sull’avere mandato le risposte all’attaccante, dovete chiedere a Stefania Spina. Io con lui ho parlato: ma se un perfetto sconosciuto arriva nel mio ufficio per sapere come funziona l’esame, spiego tutto e gli do il materiale per prepararsi. E’ un foglio scaricabile dal sito“.

Suarez (@Getty Images)

Sulle domande uguali al pdf: “Non è vero -prosegue Rocca-, alcune erano diverse. Le domande oltre a me le ha fatte anche l’altro esaminatore”. Infine, conclude dicendo: “Confermare la sufficienza? Stirandola un po’, sì. Sapeva rispondere, il test è parlato”.