Calciomercato Inter, la Juve tenta lo ‘scippo’ | Furia Conte e Oriali

Spunta un retroscena sui malumori di Conte e Oriali nei confronti della Juventus: Paratici protagonista di un tentativo di ‘scippo’

 

Ci sarebbero anche motivazioni di mercato dietro il nervosismo che ieri ha caratterizzato Juventus-Inter, semifinale di ritorno di coppa Italia che ha visto i bianconeri ottenere la qualificazione. Un nervosismo che è sfociato poi nello ‘scontro’ tra l’allenatore Antonio Conte e il presidente Andrea Agnelli ma che avrebbe coinvolto anche altri dirigenti dei due club, tra i quali Oriali e Paratici. Ora emerge un retroscena su un episodio che avrebbe mandato su tutte le furie proprio Conte e Oriali.

LEGGI ANCHE >>> Inter, Lautaro leader o comprimario? I dubbi sul suo futuro in nerazzurro

Nicolò Barella
Barella (Getty Images)

Calciomercato Inter, Pistocchi: “Pressing Juventus su Barella”

Il retroscena sul motivo che ha fatto arrivato Conte e Oriali già risentiti contro la Juventus al match di ieri sera è stato svelato da Maurizio Pistocchi su Twitter. Secondo il giornalista tutto nascerebbe dall’interesse della Juventus nei confronti di uno dei big dell’Inter: Nicolò Barella. Un interesse che sarebbe – stando a quanto riporta il giornalista – andato oltre il semplice approccio: “Oriali e Conte hanno saputo da Barella che Paratici l’ha più volte contattato – scrive Pistocchi – per convincerlo a rompere con l’Inter e andare alla Juve”. 

Per non perderti le ultime notizie di calciomercato scopri il nostro profilo Twitter

Antonio Conte
Antonio Conte (Getty Images)

Un comportamento che evidentemente non è andato giù all’ambiente nerazzurro, soprattutto in un momento della stagione in cui tutto è ancora in ballo. Un’ingerenza che ha montano il risentimento di Conte e Oriali e avrebbe portato poi alla tensione che ieri è stata evidente. Barella è di certo uno dei pezzi pregiati della rosa nerazzurra. Arrivato dal Cagliari per circa 40 milioni più bonus, il suo valore ora è schizzato in alto e su di lui si è acceso l’interesse anche delle big d’Europa.