Inter, Cassano duro su Lukaku | “Attaccante fisico, ma non ha tecnica”


Duro attacco di Antonio Cassano nei confronti di Romelu Lukaku: il pensiero dell’ex fantasista sul centravanti dell’Inter e della Nazionale belga 

Antonio Cassano
Antonio Cassano (Getty Images)

Antonio Cassano non nasconde il suo giudizio nei confronti di Romelu Lukaku, attaccante che sta facendo la differenza in questo momento di stagione. Il bomber dell’Inter – giunto a 18 gol in Serie A – ha trascinato i nerazzurri in cima alla classifica, ma l’ex fantasista ridimensiona le sue qualità.

inter lukaku
Romelu Lukaku (Getty Images)

Inter, le parole di Cassano su Lukaku

Intervenuto su ‘Twitch’ nella trasmissione condotta da Bobo Vieri, Cassano ha espresso il suo giudizio su Lukaku senza mezze misure: “In Italia non si può marcare, per la prestanza fisica e la preparazione. Qui fa un altro sport, ma mi piacerebbe vederlo giocare contro degli animali come Varane, Sergio Ramos o Marquinhos. Giocatori che vanno uno contro uno“, ha detto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, rivelazione Paratici | Lazio sullo sfondo

Cassano ha poi proseguito: “Nell’Inter in questi anni ha fatto bene in campionato, ma non in Europa: in Europa League ha giocato benino, in Champions ha fatto fatica. Se lo marcano gli animali non ce la fa, perché in quei contesti ti serve la tecnica, non il fisico, e lui non ce l’ha. E’ fondamentale per l’Inter e mi sta stupendo, ma non l’interpreto come il migliore attaccante al mondo“.

Calciomercato Inter, addio Lukaku | Pronta l'offerta dalla Spagna
Lukaku (©Getty Images)

Cassano: “Lukaku al Real Madrid farebbe fatica”

Cassano pensa inoltre che Lukaku abbia trovato all’Inter la sua dimensione ideale: “Conte prepara il gioco della squadra su di lui, e in questo momento non essendoci grandi campioni nei nerazzurri è lui a fare la differenza. Allo United non ha fatto bene, ma in Italia con la penuria di difensori attuale riesce a sfondare“.

L’ex giocatore ha chiuso poi il discorso con una riflessione: “Se Lukaku giocasse nel Real Madrid o nel Barcellona non sarebbe il numero uno in squadra: se andasse lì dovrebbe giocare con istinto, inventare la giocata e decidere le gare, e non avrebbe la tecnica per farlo“.