Inter, Conte ancora nel mirino di Cassano | Nuovo attacco!

Tre punti d’oro per l’Inter che continua a macinare in Serie A per lo Scudetto. L’ex nerazzurro, Antonio Cassano, ha criticato ancora una volta Antonio Conte

Un’altra vittoria convincente per l’Inter targata Antonio Conte, che continua a macinare punti decisivi per lo Scudetto. Contro l’Atalanta decisivo un gol di Milan Skriniar con il tecnico della compagine nerazzurra che ha optato successivamente per un 5-4-1 con Lautaro più spostato come ala sinistra per chiudere così tutti gli spazi alla squadra di Gasperini. Una prova di forza per gli uomini di Conte che hanno portato a casa un’altra vittoria, ma la strategia dello stesso tecnico leccese è stata criticata da Antonio Cassano, protagonista alla Bobo Tv insieme a Vieri, Adani e Ventola.

Per non perderti le ultime notizie di calciomercato scopri il nostro profilo Twitter

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, flop Kolarov: addio più vicino | Ritorno di fiamma dalla Turchia

Inter, Cassano critica l’operato di Conte contro l’Atalanta

Conte
Conte (Getty Images)

L’ex attaccante di Roma e Inter, tra le altre squadre in cui ha militato, ha criticato aspramente il suo modus operandi nonostante la vittoria: “L’Atalanta meritava di vincere, l’Inter non ha mai tirato in porta. Non può giocare ogni volta lasciando il pallino agli avversari”. Poi ha aggiunto: “È facile fare la partita contro il Parma, contro il Bologna, ma quando si alza il livello soffre. L’Inter è rimasta nella propria metà campo, sempre in difesa, nonostante la differenza enorme di qualità”.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, operazione al crociato per Ghoulam | Il comunicato ufficiale

Infine, lo stesso Cassano ha rivelato il suo pensiero: “È in testa alla classifica con merito per quanto fatto negli ultimi due mesi e vincerà lo scudetto, ma non accetto che giochi con 10 uomini dietro la linea della palla. Se fossi stato Lautaro, dopo dieci minuti mi sarei fatto sostituire”

Cassano
Cassano (Getty Images)

Una nuova critica da parte di Cassano, che già aveva messo nel mirino Antonio Conte per il poco utilizzo in passato di Eriksen, che ormai è diventato un giocatore affidabile anche per il sistema di gioco dell’allenatore leccese.