Juventus, l’attacco al presidente Agnelli | “Plusvalenze poco chiare”

Gli ultimi giorni in casa Juventus sono stati molto intensi. Tra il progetto della Superlega e i problemi con Pirlo, un nuovo attacco ad Agnelli!

Sono stati giorni turbolenti in casa Juventus tra la nascita della Superlega e i problemi con Andrea Pirlo, che dovrà cercare di centrare a tutti i costi la qualificazione alla prossima Champions League. Nelle ultime ore, inoltre, è arrivato un nuovo attacco al presidente Andrea Agnelli per quanto riguarda la strategia della propria società. Un metodo particolare che non è piaciuto affatto al numero uno del Tolosa, Damien Comolli, che ha criticato aspramente l’amministrazione della società bianconera.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, Lukaku torna in Premier | Scambio e cash per i nerazzurri

Juventus, Agnelli nel mirino: l’attacco di Comolli

Agnelli
Agnelli ©Getty Images

Così il presidente del Tolosa ha svelato di non condividere per nulla l’amministrazione della Juventus svelando ai microfoni del quotidiano Le Monde: “La società bianconera ha circa 120 giocatori sotto contratto ma a disposizione in rosa ne tiene 25 al massimo. Perché ne preferisce gestire così tanti? Si tratta di entrate aggiuntive con la cessioni di giocatori che non saranno presi in esame per la prima squadra”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, via un big per il bilancio | C’è già l’offerta

Successivamente lo stesso numero uno del club francese ha rivelato: “Così la Juventus li compra per un milione e li rivende per cinque: anche altri praticano questa cosa. Io non condivido questa pratica amministrativa, non c’è correttezza nei confronti delle persone”. Ancora un nuovo attacco alla strategia del presidente Agnelli, che ha collezionato negli ultimi anni tante vittorie alla guida della Juventus.

Agnelli
Agnelli attacco tolosa ©Getty Images

Ancora un nuovo polverone per quanto riguarda le vicende bianconere, questa volta sul piano finanziario e non sportivo. Un’idea che praticano comunque anche altre società che vanno a comprare per pochi milioni calciatori che non saranno utilizzati in prima squadra.