Calciomercato Milan, chiodo fisso sulla trequarti | Ostacolo Inter

Il Milan ha un chiodo fisso per il centrocampo ma deve vedersela con la concorrenza dell’Inter e non solo

Il Milan si prepara al rush finale, decisivo per l’ingresso in Champions League, che rappresenterebbe comunque un traguardo dopo anni di delusioni. I rossoneri dopo essersi aggiudicati il titolo, se pur non rilevante per la classifica finale, di campioni d’inverno, hanno avuto un crollo repentino nel girone di ritorno, lasciando per strada punti con le piccole e perdendo scontri diretti fondamentali. A prescindere da come andrà questa stagione, il Milan ha necessità di rinforzarsi in alcuni reparti e Paolo Maldini è già a lavoro.

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato, futuro Gattuso e Fonseca | La Spagna sullo sfondo

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Milan, confronto Donnarumma-ultras | parla Maldini

Milan Maldini Pioli calciomercato
Maldini e Pioli© Getty Images

Il primo obiettivo per alzare la qualità della rosa è Rodrigo De Paul che, come riportato da ‘todofichajes.com’, è in orbita Milan già da diverso tempo. L’Udinese ha sempre mostrato decisione nel rifiutare i corteggiamenti delle big, ma la necessità di fare cassa potrebbe convincere la società a privarsi del leader del club.

Calciomercato Milan, De Paul primo obiettivo | Ostacolo Inter

De Paul calciomercato Milan
Rodrigo De Paul (©Getty Images)

Tra gli ostacoli sulla strada del Milan c’è l’Inter, fortemente interessato al 10 argentino. L’a.d. nerazzurro Beppe Marotta, fresco di vittoria dello scudetto, sta già progettando le strategie di mercato per la prossima stagione e De Paul è in cima alla lista. Un altro cliente molto scomodo per i rossoneri, in corsa per il trequartista classe ’94, è l’Atletico Madrid del connazionale Simeone, come riporta il sito spagnolo.

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Juventus, affare Zapata | Scambio di lusso con la Dea!

L’Udinese è pronto a lasciare andare Rodrigo De Paul, ma solo per una cifra non inferiore ai 45 milioni di euro. Il Milan deve fare i conti non solo con la concorrenza, ma anche con un prezzo elevato del cartellino, valutando una situazione finanziaria non semplice per il club.