Italia-Inghilterra, Alberto Rimedio non farà la telecronaca degli azzurri!

Dopo aver accompagnato il viaggio dell’Italia di Roberto Mancini, Alberto Rimedio, telecronista Rai, non potrà presenziare alla serata di Wembley a causa della positività al Covid

Roberto Mancini Italia
Roberto Mancini Italia ©Getty images

L’Italia di Roberto Mancini, dopo le macerie della mancata qualificazione al Mondiale del 2018, è rinata! Gli azzurri, guidati dall’ex allenatore di Inter e Manchester City, hanno compiuto un lunghissimo cammino che li ha portati, e ci ha portato, fino alla finale di Euro 2020 contro l’Inghilterra di Gareth Southgate. La Nazionale italiana infatti, domenica sera, nell’arena di Wembley giocherà per il secondo titolo continentale della sua storia contro i padroni di casa che, nel loro palmàres, non hanno ancora un europeo in tasca nonostante la finale del 1996.

Per il servizio pubblico, il telecronista di questo grande cammino dell’Italia è da diversi anni Alberto Rimedio che, oltre ad aver dovuto raccontare le enormi delusioni del mancato mondiale del 2018, ha commentato anche questo meraviglioso cammino ad Euro 2020 degli azzurri che si concluderà domenica sera con la finale di Wembley.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, si complica Dalot | Ex Inter per Pioli

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, affare con l’Inter | La richiesta

Italia-Inghilterra, Alberto Rimedio non commenterà gli azzurri

La serata di martedì sera contro la Spagna però è stata l’ultima gara commentata da Alberto Rimedio in questa competizione. Il telecronista Rai infatti, al seguito della spedizione azzurra, è risultato positivo al test per il Coronavirus in una situazione, come quella inglese, molto delicata vista la mole della diffusione della variante delta, molto più contagiosa rispetto agli altri ceppi.

Italia-Belgio, nazionali a confronto
Roberto Mancini © Getty Images

Niente finale dunque per Alberto Rimedio che dovrà essere rimpiazzato da un altro telecronista proprio per l’ultimo atto di questa competizione, di questo cammino azzurro partito dalla cocente delusione del mancato accesso al Mondiale in Russia del 2018.