Juventus, sconfitta umiliante: “350 milioni spesi male”

Ancora una pesante sconfitta in Champions League per la Juventus, che è già qualificata al prossimo turno. In casa del Chelsea finisce 4-0 per i padroni di casa: un nuovo attacco!

Dopo un primo tempo alquanto sufficiente, il Chelsea ha preso il largo nella ripresa: la Juventus è stata così surclassata dai “Blues”. I bianconeri sono già qualificati al prossimo turno come ha svelato Massimiliano Allegri, ma la prestazione è stata orribile.

juve champions
juve champions ©Getty Images

Una prestazione assolutamente da dimenticare per la Juventus: il divario tra le due squadre è stato così netto con il Chelsea che ha dominato il gioco soprattutto nella seconda frazione di gioco. Così il giornalista Fabio Ravezzani ha espresso il suo disapunto dopo la prova di Londra: “L’umiliazione storica, travolta in Champions League, riporta l’orologio indietro in un’era di grande incertezza. Quando c’è di fronte anche un avversario così forte, dovrebbe uscire fuori un’anima che regge rimanendo aggrappata alla partita. C’è un problema di carattere devastante che sta condizionando la Juventus“.

LEGGI ANCHE >>>Obiettivo in Premier per la Juventus: Rabiot la pedina di scambio

Calciomercato Juventus, l’accusa ai giocatori e alle operazioni 

Successivamente lo stesso Ravezzani ha aggiunto: “Nonostante gli ottimi mezzi tecnici importanti, Rabiot e Bentancur affondano quando c’è bisogno di dimostrare qualcosa in più”.

Per rimanere aggiornati e commentare con noi tutte le notizie di mercato, di calcio italiano ed estero, seguiteci sui nostri profili FACEBOOKTWITTER e INSTAGRAM!

Infine, il suo focus si è sposato anche al calciomercato: “Un disastro. Soltanto guardando le operazioni in contanti, ha buttato via al vento 250 milioni di euro spesi male se pensiamo a Kulusevski, Locatelli, Chiesa e de Ligt senza guardare a Cristiano Ronaldo e Kean”.

juventus
juventus ©Getty Images

La Juventus vuole recuperare altri punti importanti in campionato: dopo la vittoria all’Olimpico contro la Lazio, ecco che arriverà un altro avversario ostico come l’Atalanta.