Boehly non bada a spese, Juve in allarme

L’imprenditore americano proprietario del Chelsea vuole regalare al tecnico Potter un grande colpo per gennaio: la Juve trema

Esonerato in corsa, dopo poche partite stagionali, un totem come Thomas Tuchel – l’uomo che non più tardi di un anno e mezzo prima aveva regalato la Champions League ai Blues, Todd Boehly, il nuvo proprieatrio del Chelsea, non intende badare a spese per far tornare il club londinese nell’élite del calcio inglese ed europeo.

Graham Potter sorridente
Graham Potter © LaPresse

Il nuovo corso, personificato da Graham Potter, è iniziato con un po’ di difficoltà, comprensibili alla luce dell’imporvviso cambiamento deciso. Proprio dall’ex club del tecnico inglese potrebbe arrivare, già a gennaio, un colpo che avrebbe ripercssioni dirette anche sulle strategie di mercato della Juve. Già perchè il 20enne ecuadoriano del Brighton messo nel mirino dal presidente e ovviamente dallo stesso Potter, rischia di chiudere le porte ad un giocatore che i bianconeri hanno dato in prestito- con diritto di riscatto a favore degli inglesi – ai Blues nelle ultime ore dello scorso mercato.

Chelsea, arriva Caicedo: Zakaria è di troppo?

Denis Zakaria deluso
Denis Zakaria © LaPresse

Moses Caicedo è certamente uno dei giovani giocatori più interessanti dell’intero panorama calcistico europeo. Il classe 2001 ha visto schizzare verso l’alto la sua valutazione di mercato, pari ora a 25 milioni di euro. Il Chelsea ha già dimostrato coi fatti di non aver troppi problemi a pagare penali o cartellini di valore elevato se vuole arrivare ad un obiettivo. E Caicedo è in cima alla lista di presidente e tecnico. Peccato che in caso di fumata bianca dell’affare, a rimetterci potrebbe essere proprio la Juve.

I bianconeri speravano infatti che i Blues potessero esercitare il diritto di riscatto, fissato a 28 milioni, piú altri 5 eventuali di bonus. per Denis Zakaria, il centrocampista svizzero approdato a Stamford Bridge a fine agosto. L’eventuale arrivo dell’ecuadoriano chiuderebbe le porte della titolarità all’ex Mönchengladbach. Che dovrà anche fare i conti, a breve, col ritorno di N’Golo Kanté, attualmente fermo ai box. L’idea di dover riaccogliere alla Contuinassa Zakaria, rinunciando di fatto a 30 milioni di entrate dal mercato, non entusiasma più di tanto la dirigenza bianconera…