Asse con Cairo, Marotta chiude il doppio affare coi granata

Sempre caldo l’asse Torino-Milano sulle sponde granata e nerazzurra: Marotta si prepara alla doppia trattativa di mercato

La sessione di mercato dell’Inter si snoda attorno alla possibile partenza di almeno uno dei due big in scadenza, Milan Skriniar e Stefan de Vrij. I rinnovi dei due difensori sembrano in alto mare, e la società deve fare i conti, suo malgrado, con la possibilità di cederli in questa finestra di trattative, per evitare di perderli a parametro zero a fine anno.

Urbano Cairo e Beppe Marotta
Urbano Cairo e Beppe Marotta © LaPresse

La possibilità che entrambi restino fino a fine stagione, con l’opzione di un dialogo che comunque in teoria potrebbe proseguire anche in primavera, c’è. Ma Marotta non vuole correre rischi. Né nel presente, né nell’immediato futuro. Ecco che allora l’abile dirigente meneghino starebbe vagliando una serie di profili alternativi, buoni sia da subito – se la situazione lo richiedesse – sia a luglio, quando bisognerebbe intervenire sul mercato a caccia degli eredi dei due big.

Marotta pesca a casa Cairo: doppio affare in ballo

Arrivato in estate dall’Ajax per la considerevole cifra – per le abitudini dei granata – di 9 milioni (agli olandesi spettano comunque altri 2,3 milioni fino ad un massimo di 11,3 milioni di euro e il 15% della futura rivendita) Peer Schuurs sta disputando un’ottima stagione agli ordini di mister Juric. Il difensore olandese potrebbe rappresentare una valida alternativa proprio al connazionale de Vrij, di cui in qualche modo ne raccoglierebbe l’eredità. La strategia di Marotta è quella di far rientrare nella trattativa un altro affare pendente tra Inter e Torino. Quello che riguarda il riscatto di un calciatore che gioca in prestito tra i piemontesi ma che è di proprietà dei nerazzurri.

Perr Schuurs Calciomercato
Perr Schuurs © LaPresse

Pur tra alti e bassi, la stagione di Valentino Lazaro al Torino può considerarsi finora positiva. Il laterale austtiaco, dopo un avvio difficoltoso, aveva ormai preso pieno possesso della sua corsia di competenza, ma quanto accaduto domenica all’Arechi di Salerno ha cambiato lo scenario in corso. Uscito al 24′ del secondo tempo dopo uno scontro di gioco, Lazaro si è sottoposto a degli esami strumentali. Che hanno evidenziato una lesione di alto grado del legamento collaterale mediale del ginocchio destro. Nei prossimi giorni sono previsti nuovi accertamenti ma il terzino sarà costretto ad almeno due mesi di stop. Questo complica un po’ i piani dell’Inter, che avrebbe proposto al Toro un piccolo sconto sul riscatto del calciatore – originariamente fissato a 6 milioni – in cambio del via libera per Schuurs. Cairo e Marotta però, da buoni amici, non smetteranno di cercare una soluzione che possa accontentare entrambi.