Calciomercato Milan, Giampaolo sotto esame: ecco chi può sostituirlo

La parentesi Milan Giampaolo potrebbe essere già alle battute finali. L’allenatore è sotto esame contro il Torino: diversi profili per sostituirlo

Milan, il sostituto di Giampaolo
Marco Giampaolo (Getty Images)

Reduce da scarsi risultati in Serie A, l’avventura di Marco Giampaolo al Milan potrebbe essere giunta al termine prima del previsto. La gara infrasettimanale contro il Torino sarà, probabilmente, l’ultimo test al quale sarà sottoposto il tecnico prima di un’eventuale conferma o addio. Se sbaglierà ancora, l’ex Sampdoria potrebbe essere esonerato. Lo score in campionato è di due vittorie e due sconfitte, ottenute in un calendario non proprio impossibile. La pesante sconfitta col derby ha smosso l’ambiente rossonero, che non può attendere oltre per tornare a fare risultati. Per questo motivo la panchina di Giampaolo potrebbe saltare fin da subito in caso di esito negativo contro i granata di Mazzarri. Sono diversi gli allenatori, attualmente senza squadra, che potrebbero fare al caso del club di Scaroni.

LEGGI ANCHE —> Calciomercato Juventus, Pogba tra rinnovo e addio con lo United: il punto

Milan Giampaolo: Spalletti e Wenger tra i possibili sostituti

In pole, tra gli italiani, potrebbe esserci Luciano Spalletti. L’ex Zenit, Roma ed Inter potrebbe interrompere il suo ‘anno sabbatico’ in caso di chiamata da parte del Milan, e potrebbe portare con sé anche il pupillo Nainggolan. Altro profilo interessante per risollevare le sorti della squadra lombarda è quello di Claudio Ranieri, autore di un miracolo sportivo nel 2016 con il Leichester in Premier League ed in attesa di una chiamata da club importanti.

Per tutte le notizie più importanti sul calciomercato CLICCA QUI!

Una soluzione dall’estero potrebbe essere, invece, Marcelino, esonerato dal Valencia ma dotato di grande esperienza internazionale. Suggestiva, infine, è l’ipotesi che porta ad Arsène Wenger. L’allenatore francese ex Arsenal è a dirla tutta un sogno difficilmente realizzabile, nonostante i buoni rapporti con l’attuale direttore generale del Milan Gazidis. Nomi e suggestioni si susseguono, così, in un vortice che travolge in prima persona Giampaolo stesso, il cui futuro al Milan, attualmente, mostra più ombre che luci.

M.D.A.