Calciomercato, acquisti per 300 milioni | Le strategie di Juve, Inter e Milan

Le big della Serie A pianificano il calciomercato estivo. Dopo Kulusevski anche Tonali, Emre Can, Chiesa, Piatek e De Paul sembrano destinati a cambiare maglia.

Federico Chiesa (Getty Images)

Si è chiuso con il botto Kulusevski il 2019 del calciomercato. La Juventus si è assicurata le prestazioni del talento svedese classe 2000, che verosimilmente sbarcherà a giugno alla corte di Sarri. L’attaccante dell’Atalanta, che sosterrà domani le visite mediche, è stato soffiato alla concorrenza delle big di Premier ma soprattutto dell’Inter. E proprio con la rivale nerazzurra potrebbero andare in scena altri duelli di mercato in previsione della prossima estate.

Leggi anche: Calciomercato Milan, Paqueta porta il difensore | C’è il piano

Le grandi del nostro calcio, oltre a concentrarsi sulla finestra invernale, iniziano a pianificare le strategie per la campagna trasferimenti estiva. Sempre la Juventus, tra gennaio e luglio, è pronta a cedere Emre Can per cui conta di incassare una cifra intorno ai 40 milioni di euro. Con il tedesco in partenza, nel reparto mediano della ‘Vecchia Signora’ potrebbe arrivare Tonali, con il Brescia che valuta almeno 50 milioni il Nazionale azzurro su cui è forte pure l’Inter.

Calciomercato, da Chiesa a Piatek: gli affari per l’estate

Piatek addio Milan
Krzysztof Piatek (Getty Images)

Le due capoliste del campionato, inoltre, probabilmente incroceranno le armi anche nella corsa a Federico Chiesa, che la Fiorentina lascerebbe partire con un assegno tra i 70 e gli 80 milioni di euro. La prossima estate anche altri due pezzi pregiati della Serie A sembrano destinati a cambiare maglia. Piatek potrebbe salutare il Milan per ritrovare lo smalto della scorsa stagione dopo una prima parte di campionato difficile, con il ‘Diavolo’ che punta ad incassare oltre i 30 milioni. Valutazione simile per De Paul, gioiello dell’Udinese inseguito già in questa sessione di mercato dall’Inter.

Leggi anche: Calciomercato Juventus, cessione in vista: poco spazio a Torino

G.M.