Atletico Madrid, un giocatore sotto inchiesta | Rischia la squalifica!

Atletico Madrid, un giocatore rischia fino a quattro mesi di squalifica: inchiesta in corso da parte delle autorità, ecco quali sono le accuse

Liga Atletico Madrid
Logo Liga (foto dal web)

Scenario clamoroso nella Liga spagnola. Un giocatore dell’Atletico Madrid rischia una pesante sanzione economica e uno stop dell’attività agonistica con squalifica fino a quattro mesi. Sul calciatore è stata aperta un’inchiesta che porterà a chiarire le sue effettive responsabilità.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, ritorno in campo: dichiarazioni shock del big!

Liga Trippier Atletico Madrid
Dybala e Trippier (Getty Images)

Atletico Madrid, inchiesta su Trippier: rischio quattro mesi di squalifica

Il giocatore in questione è Keiran Trippier, terzino dei Colchoneros trasferitosi in Spagna questa estate dal Tottenham. Ad aprire l’indagine su di lui, però, è stata la Football Association, in Inghilterra, per fatti risalenti allo scorso anno, quando era ancora un giocatore degli Spurs. Ecco il comunicato della FA: “Trippier è accusato di aver violato le regole della FA sulle scommesse durante il mese di luglio 2019 – si legge – Ha tempo fino al 18 maggio 2020 per fornire una risposta”. In particolare, le norme violate atterrebbero all’effettuazione di scommesse, autonomamente o tramite terzi, su partite, trasferimenti di calciomercato o provvedimenti disciplinari su tesserati, e all’aver fornito a terze persone informazioni riservate, in quanto tesserato, per l’effettuazione di scommesse.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, dallo stop definitivo alla ripresa: i possibili scenari

Lo stesso Trippier ha così commentato la decisione: “Ho collaborato pienamente e in maniera volontaria all’indagine della FA e continuo a farlo. Da calciatore professionista, non ho mai scommesso, né ottenuto vantaggi economici dalle scommesse di altri”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Coronavirus: Juventus, ecco quando ritorna Cristiano Ronaldo a Torino

Coronavirus, la decisione sugli allenamenti: in campo con le mascherine