Calciomercato, retroscena ‘Papu’ Gomez | Cosa prevede il contratto con il Siviglia

Il mercato di gennaio ha visto il ‘Papu’ Gomez lasciare l’Atalanta ed approdare al Siviglia: ecco cosa prevede il contratto firmato con il club spagnolo 

Gomez Siviglia
Gomez (Getty Images)

Il calcio italiano ha salutato a gennaio uno dei suoi grandi campioni. Il ‘Papu’ Gomez ha lasciato l’Atalanta dopo ben sei stagioni e mezzo vissute in nerazzurro. Il capitano della squadra era stato messo fuori rosa dopo un diverbio con mister Gasperini e la società lo ha venduto all’estero. Il Siviglia lo ha accolto a braccia aperte, acquistandolo ad una cifra inferiore al suo effettivo valore.

Gomez (getty images)
Gomez (getty images)

Calciomercato Siviglia, retroscena Gomez

L’Atalanta ha infatti posto il veto su una cessione in Italia del calciatore, onde evitare di rinforzare le compagini che lottano per i suoi stessi obiettivi. Gomez, valutato circa 15 milioni, è stato acquistato dal Siviglia per una cifra vicina ai 7,5 milioni ed ha firmato con il club un contratto fino al 2024. Un affare di mercato importante, che ha subito dato i suoi frutti: mister Lopetegui sta già inserendo nelle sue rotazioni l’argentino, protagonista di un gol in ‘Liga’.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Milan, i pro e i contro del rinnovo di Ibrahimovic

Gomez non fa ancora parte dei titolari, ma ha già collezionato cinque presenze ed entra in pianta stabile nella turnazione. C’è però un aspetto da sottolineare: la stampa spagnola ha fatto emergere alcuni dettagli sul contratto firmato da Gomez con il Siviglia. Secondo quanto riportato da ‘Estadio Deportivo’, il club non avrebbe fissato alcuna clausola per il ‘Papu’ che potrebbe così accordarsi più facilmente con altre società in futuro.

Monchi (Instagram Siviglia)

Calciomercato, il Siviglia punta sul ‘Papu’

La strategia è chiara: il Siviglia, conscio dell’età del giocatore ormai 33enne, sa di aver pagato il giocatore meno del suo valore e ha deciso di non mettergli una clausola risolutiva che avrebbe spaventato i potenziali acquirenti nelle prossime sessioni di trasferimento. La società si sente forte della parola del giocatore, ritenuta sufficiente come garanzia alla sua permanenza.