Juventus, squadra ancora a pezzi nel momento clou | I motivi

La Juventus arriva nuovamente non al massimo delle forze nel momento topico della stagione: diversi i giocatori infortunati

La Juventus riprende il cammino in Serie A. L’attende questa sera un impegno sulla carta per nulla impossibile: affronterà, infatti, il fanalino di coda Crotone nel monday night. Una ghiotta opportunità per risalire un posto in classifica e recuperare la terza posizione superando nuovamente la Roma, approfittando del pareggio esterno dei giallorossi contro il Benevento. I bianconeri, però, non vivono un gran momento in stagione, sia da un punto di vista dei risultati sia per quanto riguarda le condizioni della rosa. Oltre alle recenti sconfitte contro il Napoli e contro il Porto in Champions League, la squadra presenta varie difficoltà a causa degli infortuni e non è al cento per cento della forma nel momento topico della stagione, situazione già verificatasi negli anni scorsi.

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato Inter e Juventus, colpo a zero in attacco | Duello con le big d’Europa

Juventus infrotuni
Arthur © Getty Images

Juventus, squadra di nuovo a pezzi a febbraio: le cause

È ormai il terzo anno che la Juventus arriva al momento clou della stagione con una lista di giocatori indisponibili non indifferente. Questa situazione mette in difficoltà i vari tecnici, costringendoli a scelte obbligate. Dito puntato verso i preparatori atletici di Pirlo, ma forse non sono tutte loro le colpe. Da considerare, infatti, che alcuni calciatori stanno giocando fuori posizione, come Kulusevski seconda punta o Bentancur in cabina di regia.

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato Milan, addio più vicino per Ibra | I dettagli

I bianconeri, inoltre, già dalla scorsa estate si trovavano in una situazione poco rassicurante. Il nuovo acquisto Arthur, arrivato dal Barcellona, veniva da tre mesi di inattività. Diversi elementi, poi, dovevano ancora recuperare dagli infortuni della precedente stagione: si tratta di Chiellini, Demiral, Alex Sandro, Dybala e De Ligt. Situazione non certo imputabile allo staff dell’ex Milan e Inter. Sono anche avvenute delle assenze per via di duri scontri di gioco. Mckennie, ad esempio, presenta problemi al ginocchio a causa di una contusione all’anca rimediata in un contrasto. Eventi traumatici, quindi, che poco hanno a che fare con i preparatori del gruppo squadra.

Juventus infortuni
Juan Cuadrado (Getty Images)

Anche infortuni muscolari per la ‘Vecchia Signora’, come quelli di Bonucci e Cuadrado. Ma parliamo di elementi ultratrentenni e, tra l’altro, entrambi detengono il maggior numero di minuti giocati in stagione fino ad ora. Lo stesso discorso va fatto, a maggior ragione, per il 36enne Chiellini, che da tre anni non collezionava dieci presenze a questo punto della stagione. Il team ha risentito, come tutte le altre formazioni, anche dell’arrivo del Covid-19. Lo staff del tecnico ha, inoltre, svolto un lavoro egregio con Demiral e De Ligt. Il turco ha subito lo stesso infortunio di Zaniolo al crociato, saltando solo 6 partite in campionato. L’olandese, invece, dopo il problema alla spalla è rientrato contro il Cagliari e ha saltato, poi, solo due match per via del virus. In un’annata con partite ogni tre giorni bisogna considerare che la Juventus ha giocato più di tutte le squadre di Serie A. Un po’ affrettate, probabilmente, le critiche allo staff dei preparatori atletici.