Calciomercato Juventus, tre riscatti nella lista | 130 milioni!

La Juventus ha in programma di riscattare tre giocatori, arrivati in prestito con diritto od obbligo di riscatto la scorsa estate

La Juventus la scorsa estate ha impostato il mercato sull’acquisto di giovani calciatori, soprattutto dato l’addio di alcuni senatori. Da Matuidi a Higuain, passando per Miralem Pjanic, utilizzato in uno scambio col Barcellona per arrivare ad Arthur. Sono arrivati giovani come Weston McKennie e Federico Chiesa, in prestito con diritto di riscatto. Una formula anche per agevolare la crisi per il Covid. Stesso trasferimento utilizzato per il ritorno di Alvaro Morata dall’Atletico Madrid.

Federico Chiesa (©Getty Images)

Essendo arrivati in prestito con diritto di riscatto, la Juve dovrà poi spendere parecchi soldi la prossima sessione di mercato, per un totale di circa 130 milioni di euro per acquisire a titolo definitivo i cartellini di McKennie, Chiesa e Morata. Una cifra che potrebbe influire parecchio.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, rottura e addio | L’ex Juventus come erede

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, scontro su Conte | Schermaglie Bergomi-Piccinini

Juventus, i riscatti di McKennie, Chiesa e Morata

McKennie è arrivato dallo Schalke 04 in prestito per 4,5 milioni di euro, con obbligo di riscatto condizionato fissato a 18,5 milioni più 7 di eventuali bonus. Sta diventando sempre più un elemento fondamentale della rosa di Andrea Pirlo, che gli concede sempre più minuti. Una spesa totale di 30 milioni, che si aggiungerà a quella per Federico Chiesa. La Juve ha acquistato l’esterno offensivo dalla Fiorentina per 10 milioni di prestito, con riscatto a 40 nel 2022 più altri 10 di bonus. Insomma, la spesa non sarà affrontata effettivamente la prossima estate, ma indubbiamente potrebbe condizionare la campagna acquisti.

Calciomercato Juventus, Morata non convince: rispunta Muriel
Morata (©Getty Images)

La stessa cosa vale potrebbe valere per Alvaro Morata. L’attaccante spagnolo è arrivato in prestito con l’opzione di prolungare per un’altra stagione il prestito, con una spesa totale di 55 milioni di euro. E’ alla sua seconda esperienza a Torino e non sta vivendo un ottimo periodo, ma Pirlo continua a puntare su di lui.