Super Lega, la UEFA non perdona | Pesante sanzione per Juventus e Milan

Non finisce la questione Super Lega, con la UEFA che non ha perdonato i club fondatori: Juventus e Milan a rischio squalifica

Il caos Super Lega sembra non avere ancora fine. Il progetto volto a rivoluzionare il calcio europeo, con le migliori squadre dei maggiori quattro campionati europei che erano pronte a dare vita ad una nuova competizione su invito. Questo a provocato una vera e propria rivolta da parte dei tifosi e non solo.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato, addio Serie A | Ribaltone Sarri

Infatti, ovviamente, la prima ad essere contro la realizzazione di tale progetto è stata la Uefa, che sin da subito ha annunciato pesanti sanzioni per i club che avrebbero partecipato alla Super Lega, arrivando anche a minacciare l’esclusione dei giocatori dalle Nazionali. Ora però la UEFA sembrerebbe sempre pronta a prendere provvedimenti con i club ancora rimasti all’interno del progetto e che ancora non sono voluti uscire, come Juventus e Milan.

Super Lega, UEFA sempre sul piede di guerra: rischio squalifica di due anni per Juventus e Milan

Calciomercato Juventus, Agnelli e il possibile assalto a de Ligt
Agnelli © Getty Images

Periodo tumultuoso nel mondo del calcio. A scatenare il caos è stata la creazione improvvisa della Super Lega, con i 12 migliori club europei che sono entrati a farne parte. Tra questi ci sono anche le italiane Juventus, Inter e Milan. Se i nerazzurri sono usciti dal progetto, le altre due invece ne fanno ancora parte.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Juventus, incertezza Agnelli | Arriva la svolta!

Attenzione però alla UEFA, che sembra non aver ancora perdonato i club fondatori e sarebbe pronta a prendere provvedimenti pesanti. Infatti, secondo quanto riportato da ‘ESPN’, Ceferin starebbe pensando ad una maxi squalifica di due anni dalle competizioni UEFA per le squadre ancora nel progetto Super Lega, ovvero Juventus, Milan, Barcellona e Real Madrid. Dunque una sanzione pesante che potrebbe portare o alla loro esclusione, o alla definitiva scomparsa della rivoluzionaria competizione.