Calciomercato Juventus, addio a Donnarumma | La critica alla dirigenza

Gianluigi Donnarumma è sempre più vicino al Paris Saint Germain: il portiere del Milan è lontano dalla Juventus dopo i contatti, la polemica

Donnarumma Milan
Donnarumma Milan ©Getty Images

Il futuro di Gianluigi Donnarumma ancora non è molto chiaro. Il portiere del Milan, in scadenza di contratto a fine giugno 2021, sarebbe sul punto di firmare con il PSG dopo alcuni contatti  tra il suo agente, Mino Raiola, e la dirigenza della Juventus. Un colpo a parametro zero davvero importanti per il club francese, che potrebbe offrirgli anche 12 milioni netti a stagione per i prossimi quattro anni. E così sono arrivate le prime polemiche rivolte alla dirigenza bianconera visto che il portiere titolare della Nazionale italiana potrebbe dire addio alla Serie A per una nuova ed avvincente avventura in Francia.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Juventus e Inter, Koeman teme un rilancio | I dettagli

Calciomercato Juventus, Donnarumma a zero: colpo in casa PSG

Così il giornalista di Rai Sport, Paolo Paganini, ha voluto esprimere il suo punto di vista a riguardo criticando anche l’operato della dirigenza della Juventus dopo l’addio di Paratici: “L’operazione Donnarumma-Juventus era stata preparata da Paratici. Via lui, la strategia è cambiata, anche perché per Szczesny non sono arrivate offerte congrue. Ma uno ha 31 anni, l’altro 22 ed è svincolato. Il gioco, forse, valeva la candela”.

LEGGI ANCHE >>>Calciomercato Juventus, Paratici spaventa | Altro big nel mirino

LEGGI ANCHE >>>Calciomercato, Icardi va da Mourinho | Lo scambio beffa Juventus

Il club bianconero cercherà di risolvere in tempi brevi la questione portieri dopo anche l’addio di Gianluigi Buffon, voglioso di continuare la sua carriera da protagonista. Tanti i profili monitorati per il ruolo di vice, come quelli di Sirigu e Cragno per arrivare al portiere colombiano del Napoli, David Ospina.

paratici juve donnarumma
paratici juve donnarumma ©Getty Images

La Juventus vorrebbe regalare così i primi colpi interessanti a Massimiliano Allegri dopo la stagione vissuta tra alti e bassi sotto la gestione Andrea Pirlo.