Inter-Atalanta 2-2, Gasperini: “Poteva essere un’imbarcata, ne usciamo più forti”

Inter-Atalanta termina sul risultato di 2-2: l’allenatore della Dea, Gian Piero Gasperini, ha analizzato quanto accaduto in campo nel post-partita

Calciomercato Juventus Gasperini Pirlo De Roon Gosens Atalanta
Gian Piero Gasperini © Getty Images

Inter ed Atalanta si sono date battaglia nel secondo anticipo della sesta giornata di Serie A. Al triplice fischio, però, non ci sono né vincitori né vinti: a San Siro è 2-2, in una partita dove è successo di tutto. Mai un attimo di pausa, e un finale convulso. L’Inter ha sbagliato un calcio di rigore con Dimarco (traversa), poi Piccoli si è visto annullare dal Var il gol della possibile vittoria.

LEGGI ANCHE >>> Inter, un esterno per Inzaghi: Gagliardini la chiave 

Le emozioni non sono mancate e le ha vissute appieno anche Gian Piero Gasperini in panchina: “Ci sono stati momenti a favore di una squadra e momenti a favore dell’altra, è stata una grande partita tra due squadre che hanno cercato di vincere“, ha detto ai microfoni di Dazn. L’allenatore dell’Atalanta si sofferma poi sulle mosse tattiche che hanno fatto la differenza: l’Inter è riuscita a sbaragliare le carte con i cambi.

Coppa Italia Atalanta Juventus Gasperini Freuler conferenza
Gian Piero Gasperini © Getty Images

Inter-Atalanta, il commento di Gasperini

Dall’altra parte, invece, Gasperini sottolinea l’importanza tattica di Pessina: “Ha giocato un primo tempo di grande personalità pressando sempre su Brozovic e Bastoni in prima battuta“. Un pareggio che non lascia per nulla insoddisfatto il tecnico, che guarda con ottimismo alle prossime partite. Gasperini, infatti, dice che “sono stati tutti bravi. Andare sotto dopo pochissimi minuti a Milano rischi poteva portare all’imbarcata”.

LEGGI ANCHE >>> Scelto il sostituto in porta: è testa a testa tra Inter e Juventus 

L’Atalanta sarà ora impegnata in Champions League con lo Young Boys, poi di nuovo campionato contro il Milan: “Un calendario difficile, ma usciamo da questa gara più consapevoli e più forti“, chiude Gasperini.