ESCLUSIVO Balzarini: “Ritorno Pogba alla Juve, questo il rischio che si corre”

Conversazione a trecentosessanta gradi sul mondo Juventus con il giornalista di Mediaset Gianni Balzarini. Dalla classifica al calciomercato 

Pogba
Paul Pogba © Getty Images

Nove anni consecutivi di successi in Italia, con il trofeo più ambito e sognato, soltanto assaporato nelle finali di Champions League contro Barcellona e Real Madrid, rappresentano il bilancio più che positivo dell’ultima decade della Juventus. Un’ epoca di vittorie, conclusa lo scorso anno, quando, con Andrea Pirlo in panchina, i bianconeri sono arrivati a un deludente quarto posto in classifica in campionato, pur riuscendo a conquistare la Coppa Italia contro l’Atalanta. Concluso il rapporto con l’allenatore, che era stato scelto dallo stesso Andrea Agnelli, la società ha deciso di ripartire dall’usato sicuro, affidandosi di nuovo all’esperienza e alla capacità gestionale di Massimiliano Allegri. L’avvio di stagione stentato, però, dimostra che i problemi palesati lo scorso anno dalla Vecchia Signora non erano ascrivibili soltanto alle responsabilità del tecnico. La rosa ha delle lacune che vanno colmate e la solidità e l’equilibrio di squadra, che avevano fatto la fortuna delle Juventus vincenti, sono da ritrovare. Di questo e delle prospettive bianconere in sede di calciomercato, il giornalista di Mediaset, Gianni Balzarini, ha parlato a Calciomercatonews.com.

LEGGI ANCHE >>> La Juventus non sfrutta la clausola: ne approfitta il Barcellona

LEGGI ANCHE >>> Sacrificio Juventus: scambio a sorpresa per il gioiello

Per rimanere aggiornati e commentare con noi tutte le notizie di mercato, di calcio italiano ed estero, seguiteci sui nostri profili FACEBOOK, TWITTER e INSTAGRAM!

Intervista a Gianni Balzarini
Pogba ©Getty images

Calciomercato Juventus, Balzarini: “Pogba si può fare, ma attenzione allo spogliatoio. Per Donnarumma serve una magia”

La partenza ad handicap della Juventus in campionato, sembra tagliarla fuori dal discorso scudetto. È possibile, invece, che i bianconeri possano compiere una rimonta come accadde nella stagione 2015/2016?

“Nel calcio tutto è possibile. Detto questo, quella Juventus aveva maggiori certezze sia a centrocampo che in difesa. La coppia d’attacco, però, era la stessa. C’erano sia Morata che Dybala. Poi, è vero che la squadra di allora era più forte di quella attuale, ma secondo me quest’anno non abbiamo ancora visto tutto il potenziale che può esprimere la rosa. Insomma, i presupposti sono diversi, ma una rimonta non è affatto impossibile”.

La cessione di Cristiano Ronaldo e il bilancio societario in rosso, possono essere segnali di un ridimensionamento futuro nelle ambizioni di mercato della Juventus?

“Per Dna, la Juventus non può permettersi fasi di ridimensionamento delle ambizioni per quanto riguarda il competere per il vertice. La storia dei bianconeri ci dice questo”.

Rimanendo in tema rinnovi, Pogba rifirma con il Manchester United o i tifosi possono sognare un suo ritorno a Torino?

“Partiamo dal presupposto che in Inghilterra non è inusuale che un calciatore prolunghi il suo contratto con il club anche a un solo mese dalla scadenza. Però, secondo me, segnali evidenti della sua volontà di rimanere al Manchester non ci sono. Non dovesse rifirmare, per la Juventus sarebbe meno impraticabile che in passato provare a riportare Pogba a Torino a costo zero. Si tratterebbe sicuramente di mettere a bilancio un ingaggio molto oneroso, visto che il giocatore, che attualmente guadagna più di 15 milioni di euro, non si accontenterebbe di meno di 18 probabilmente. Il che, oltre che per i conti, potrebbe rappresentare un problema anche per gli equilibri di spogliatoio. Ad alcuni, infatti, per esempio a Bernardeschi, è stato proposto un rinnovo con un ridimensionamento dello stipendio. Poi, però, i calciatori devono anche saper riconoscere i valori e Pogba, che è un campione, è anche normale che guadagni più di altri”.

Intervista a Gianni Balzarini
Gianluigi Donnarumma © Getty Images

Pogba e Donnarumma, oltre alla classe, hanno in comune il procuratore. Mino Raiola potrebbe pensare di muovere ‘Gigio’ in estate, considerato lo scarso utilizzo che ne fa Pochettino a Parigi? E se sì, la Juventus può inserirsi?

“La Juventus è stata davvero vicinissima a Donnarumma. Aveva un accordo già da gennaio con il giocatore e con Raiola. Poi, però, non è riuscita a vendere Szczesny, che ha un ingaggio molto importante, e l’affare non si è potuto concretizzare. Ora che Donnarumma ha un contratto lungo con il Paris Saint-Germain, la sua valutazione è altissima. Sopra ai settanta milioni di euro. Soltanto una magia di Raiola potrebbe consentire di portarlo alla Juventus. Tenuto conto, poi, che i parigini difficilmente accetterebbero pagamenti dilazionati”.