“Non sono uno str….”: il duro sfogo di Mourinho alla vigilia di Roma-Napoli

Duro sfogo di Jose Mourinho in conferenza stampa alla vigilia della sfida Roma-Napoli: “Detta una grande bugia”

Animi tesissimi in casa Roma. Il ko storico contro il Bodo-Glimt ha deluso e fatto arrabbiare i tifosi giallorossi, che ora vogliono una risposta immediata domani contro il Napoli. A testimonianza della situazione non semplice, è arrivato un duro sfogo di Jose Mourinho, intervenuto oggi in conferenza stampa: “Come stanno Zaniolo e Karsdorp? Entrambi bene. Domani schiererò la stessa formazione che ha giocato dall’inizio contro la Juventus“.

Roma Napoli Mourinho
José Mourinho © Getty images

SULLA PARTITA: “Non è una svolta. Stiamo disputando un campionato positivo. Abbiamo 15 punti, ne meritavamo di più. Penso solo a vincere. Loro sono complicati da affrontare, le hanno vinte tutte e stanno bene”.

Mourinho, poi, si è sfogato davanti ai giornalisti presenti: “Giocatori come Kumbulla molto costosi? Rispondo, ma in modo globale. C’è tanta gente che ride dopo quello che ha fatto con la Roma e qualcuno sicuramente lo fa con le tasche piene di soldi. I Friedkin hanno ereditato tanti errori che altri hanno commesso. Uguale Tiago Pinto. Sono stati spesi tanti soldi per un progetto che ha bisogno di tempo. Quando qualcuno dice che Mourinho non è contento è una bugia e non poteva essere più grande. Mourinho vuole più calciatori? Sì, come tutti. Mourinho vuole giocatori dello stesso livello? Sì, ma Mourinho non è uno str***o e ha rispetto per i Friedkin e Tiago Pinto. Accetto la situazione e la capisco. Un risultato del genere come quello con il Bodo capita una volta nella vita, ma l’unico responsabile sono io”.

LEGGI ANCHE>>> Inter-Juventus, piovono critiche: Allegri e Chiesa nel mirino

Roma-Napoli, Mourinho: “Lasciate la società in pace”

Roma Napoli Mourinho
Mourinho © Getty images

ROSA: “Quando avevamo solo vinto in campionato, io ho parlato di San Pietro, scherzando ma senza scherzare troppo. Ad esempio se Chiellini manca, c’è de Ligt. Se Alex Sandro è stanco, gioca De Sciglio. Parlo di Allegri, perché lui non si arrabbia. In alcune zone non abbiamo soluzioni di livello, è inutile nasconderlo. Dobbiamo costruire una rosa e per farlo servono più soldi, più finestre di calciomercato. La proprietà sta facendo uno sforzo incredibile e deve essere rispettata. Quando leggo che io ho problemi con loro (i Friedkin, ndr) mi sembra assurdo”.

LEGGI ANCHE>>> Bologna-Milan, le formazioni UFFICIALI: Pioli sorprende con Ibrahimovic

Lo ‘Special One’ ha aggiunto: “C’è gente con le tasche piene di commissioni, premi, e poi sparisce. Dopo pagano i Friedkin, paga Tiago Pinto e pago io che vado in panchina. Ma io sono onesto e mi prendo le responsabilità delle mie scelte. Se poi possono aiutarmi di più a gennaio o in estate li ringrazierei tantissimo. Domani vedrete la panchina: non ci sono giocatori scarsi, ma ci sono molti giovanissimi”.