Perché l’Italia deve evitare l’incubo playoff: i possibili avversari di Mancini

L’Italia rischia seriamente di qualificarsi come seconda del girone e andare ai playoff: i possibili avversari degli azzurri di Mancini

Domani ci sarà il verdetto finale. Domani scopriremo se l’Italia andrà nuovamente ai playoff (seconda volta consecutiva) per accedere ai Mondiali. Bisogna pensare soltanto a vincere contro l’Irlanda del Nord, ma non è detto comunque che si possa evitare quell’ulteriore step.

Italia Mancini
Mancini © Getty images

Uno step che sarebbe bene evitare. Psicologicamente inciderebbe tantissimo sulla testa dei calciatori, che stanno vivendo un momento complicato mentalmente e inevitabilmente sentirebbero ancora di più il peso del precedente storico fallimento. Bisogna considerare, poi, che è cambiata la formula, visto che non ci sarà più lo scontro diretto tra due squadre, bensì le stesse saranno divise in 3 gironi da 4 nazionali ciascuno, con semifinale e finale. Un impegno che potrebbe essere maggiormente dispendioso dal punto di viste delle energie. Come se non bastasse, ci sarebbe anche il forte rischio di incontrare ancora la Svezia sul nostro cammino, che è già sicura di andare ai playoff.

LEGGI ANCHE>>> Roma, Mourinho chiede un rinforzo a gennaio: obiettivo in Premier

Le possibili avversarie dell’Italia ai playoff

Italia Mancini
Roberto Mancini © LaPresse

Come la Svezia anche Scozia, Galles, Repubblica Ceca, Austria, Russia, Macedonia del Nord e la sorpresa Portogallo, che è stato sconfitto dalla Serbia. Per le altre di deciderà tra domani e martedì. L’Italia è quasi certa di arrivare ai playoff come testa di serie (saranno 6 su 12), e affronterà in semifinale una non testa di serie, ad esempio Scozia, Turchia, Finlandia, Austria e Repubblica Ceca.

LEGGI ANCHE>>> Italia, Bonucci fa chiarezza | Il punto sul rigorista

Se dovesse arrivare a giocare la finale (entrambe saranno gara unica), ci sarebbe l’elevata probabilità di incontrare una testa di serie, cioè anche una tra Svezia, Russia, Polonia, Galles e Portogallo.