Via dall’Inter, ritorno di fiamma a gennaio: svolta per l’erede di Handanovic

Calciomercato Inter, ritorno di fiamma e addio al club nerazzurro nel mese di gennaio: arriva la svolta per l’erede di Samir Handanovic

L’Inter sta per attraversare un periodo cruciale della stagione. Gli uomini di Inzaghi sono chiamati a recuperare il consistente distacco dal vertice della classifica in Serie A per cercare di bissare lo scudetto. Poi c’è la Champions League, con i nerazzurri che dovranno quanto meno difendere il secondo posto nel girone e raggiungere gli ottavi di finale.

Inter Handanovic Vecino Napoli Meret
Vecino © LaPresse

Nonostante i tanti impegni, la società si ritaglia uno spazio da dedicare al calciomercato. Riflette anche sul fronte uscite, in particolare attenzione al ritorno di fiamma del Napoli per Vecino – in scadenza di contratto a giugno 2022 – a gennaio. Lo ha rivelato il giornalista Antonio Corrado nel corso di ‘Fuorigioco’, trasmissione che va in onda sulle frequenze di ‘Televomero’: “Spero che il Napoli non dorma in vista della riapertura della sessione invernale di calciomercato. A questa squadra servono ancora alcuni calciatori per essere pienamente competitiva. Aurelio De Laurentiis e Cristiano Giuntoli, in accordo con Luciano Spalletti, stanno trattando Vecino, calciatore ora in forza all’Inter“.

LEGGI ANCHE>>> Milan, doppio affare con Zidane: scambio e addio Kessie

Ritorno di fiamma del Napoli per Vecino a gennaio: svolta per l’erede di Handanovic

Inter Meret Vecino Handanovic Napoli
Meret © LaPresse

LEGGI ANCHE>>> Juventus-Inter, doppio affare a sorpresa: assalto improvviso

Il centrocampista uruguaiano, quindi, potrebbe tornare da Spalletti – tecnico a cui era molto legato – già nella sessione invernale, nonostante la possibilità di prenderlo a zero a giugno. La ‘Beneamata’, dal canto suo, potrebbe tentare l’assalto a Meret la prossima estate. Si sta cercando, infatti, un profilo che possa raccogliere l’eredità di Handanovic, che a meno di sorprese non rinnoverà l’accordo. Il classe ’97 può essere il profilo giusto, anche considerando gli ottimi rapporti con il suo noto procuratore Federico Pastorello. La valutazione del cartellino, inoltre, si aggira intorno ai 15/20 milioni di euro. Staremo a vedere.