CMNEWS | Genoa, risposta chiara per Shevchenko: il futuro è già deciso

Shevchenko trova la prima vittoria sulla panchina del Genoa e passa agli ottavi di finale di Coppa Italia. Bene il portiere Semper

Nel mestiere del buon portiere c’è anche la mission di farsi trovare pronti quando tocca a te. E ieri è proprio questo che ha fatto Adrian Semper, nel ritorno alla vittoria del Genoa, anche se in Coppa Italia e contro la Salernitana, l’unica squadra che sta facendo peggio dei liguri in campionato. Semper con un paio di interventi ha anche messo in sicurezza il risultato e il passaggio del turno in Coppa Italia e adesso toccherà di nuovo a lui per la gara degli ottavi a San Siro contro il Milan, a gennaio. In campionato, dove Shevchenko per primo dovrà iniziare a dare delle risposte, è facile pensare che il tecnico ucraino continuerà ad affidarsi all’esperienza di Sirigu, non sempre impeccabile anche se incredibilmente esposto agli attacchi avversari.

Shevchenko Genoa Sirigu Semper
Sirigu ©GettyImages

Come riportato da Calciomercatonews.com, su Adrian Semper ci sono comunque gli occhi di osservatori ed emissari, anche se l’intenzione del ragazzo è quella di restare al Genoa, continuare a farsi trovare pronto e vedere se da qui a maggio dovesse cambiare il vento. La tifoseria rossoblù avrebbe probabilmente già scelto, perché con Semper ha creato una buona sintonia. Certamente il futuro sembra essere tutto dalla parte del portiere croato, ma il presente più immediato dovrà continuare a viverlo nella consapevolezza di rispondere come ha fatto ieri quando verrà chiamato in causa. San Siro a gennaio in Coppa Italia, rappresenterà un bel momento di verifica.

LEGGI ANCHE >>> Genoa-Sampdoria 1-3, Gabbiadini inarrestabile: Shevchenko battuto

Semper Genoa Shevchenko
Semper ©LaPresse

Genoa, Shevchenko al lavoro per le sfide con Lazio e Atalanta

Il capitolo Shevchenko è invece ancora da decifrare, nonostante la vittoria di ieri che lo proietta contro il “suo” Milan agli ottavi di Coppa Italia: sembra che più di qualche malumore o dubbio già serpeggi visto che è in campionato che il Genoa deve rialzarsi in fretta, ma peserebbe non poco il fatto di avere a libro paga anche Maran oltre a Ballardini, appena esonerato.
In questa Serie A Sheva non ha fatto punti nelle cinque partite in cui si è seduto in panchina, record negativo condiviso con Giuseppe Marchioro nel 1995 e Luigi Delneri nel 2012, sempre al Genoa. Entrambi vinsero la sesta: per Sheva significherebbe andata sbancare l’Olimpico battendo la Lazio di Sarri. Subito dopo ci sarà l’Atalanta a Marassi. Due esami tostissimi che potrebbero peggiorare la situazione di classifica e vedere materializzare con più chiarezza il rischio retrocessione.

F.S.