Juventus, duro affondo contro Kulusevski: l’attacco è pesante

Nonostante il filotto di otto risultati utili consecutivi, non si placano le critiche sul giocatore bianconero. L’annuncio di Caronni

La vittoria con l’Udinese ha permesso alla Juventus di conquistare l’ottavo risultato utile consecutivo in Serie A, raggiungendo quota 41 punti. In attesa del recupero del match tra Atalanta e Torino, i bianconeri si mantengono a un punto di distanza dal quarto posto attualmente occupato dai bergamaschi.

Kulusevski Caronni Juventus
Allegri ©LaPresse

Prima del filotto di risultati, impreziosito dal ‘pazzo’ 3-4 di Roma, gli uomini di Allegri non avevano trovato continuità, finendo per raccogliere ben cinque sconfitte. Un avvio senz’altro deludente, nel quale non hanno brillato i giovani sui quali aveva puntanto la dirigenza nelle ultime stagioni, su tutti Kulusevski. Lo svedese, arrivato la scorsa estate dopo un’ottima stagione al Parma (il cartellino era di proprietà dell’Atalanta), non ha dimostrato tutto il suo valore, giocando spesso sotto le aspettative. Nonostante le due reti ed i tre assist stagionali, il giornalista Matteo Caronni consiglia alla società di venderlo.

LEGGI ANCHE >>> Il piano ‘diabolico’ di Marotta: triplo smacco alla Juventus

Juventus, la stoccata di Caronni a Kulusevski

Kulusevski Caronni Juventus
Kulusevski ©LaPresse

Dejan Kulusevski doveva essere uno dei nuovi volti della Juventus. Il suo talento – costato circa 40 milioni alla Juventus – doveva aiutare i bianconeri a restare ai vertici della classifica. Invece, lo svedese non è mai riuscito ad esprimersi ai livelli del Parma, finendo spesso sul banco degli ‘imputati’.

LEGGI ANCHE >>> ESCLUSIVO | Juve, nuovo colpo ‘alla De Winter’: ecco gli ostacoli

Matteo Caronni, intervenuto ai microfoni di ‘Top Calcio 24’, ha espresso tutto il suo disappunto sulle ultime prestazioni del giocatore: “Mi sembra che Kulusevski peggiori ogni volta che scende in campo – prosegue Caronni -. Se non fosse stato per l’infortunio di Chiesa, la Juventus lo avrebbe già venduto. Il problema è che ogni partita che gioca si svaluta sempre di più”.