Vlahovic alla Juventus, via libera da Firenze: la richiesta choc

Rischio frenata nell’affare per l’approdo di Dusan Vlahovic alla Juventus: il ds della Fiorentina fa il punto della situazione

La possibile partenza di Dusan Vlahovic resta un giallo: la Juventus si è fiondata con decisione sull’attaccante serbo il quale, però, non lascerà tanto facilmente Firenze in questa sessione di calciomercato.

Juventus Vlahovic Milan Dybala Allegri Amoruso
Vlahovic © LaPresse

Per cercare di piazzare il colpo Vlahovic, la Juventus lavora anche al mercato in uscita. In particolar modo, si prova ad accelerare per la cessione di Rodrigo Bentancur all’Aston Villa. Intanto, il ds viola Daniele Pradè ha fatto il punto sull’immediato futuro di Vlahovic.

LEGGI ANCHE >> UFFICIALE | L’Atalanta accontenta Gasperini: arriva il nuovo attaccante

“Offerte ufficiali per Vlahovic? Sì, abbiamo ricevuto delle offerte importanti, molto sostanziose” ha dichiarato il dirigente gigliato ai microfoni di Sportitalia, aggiungendo: “Non abbiamo mai avuto un riscontro da parte degli agenti del calciatore. Da parte nostra c’è sempre stata grande trasparenza in tutte le nostre dichiarazioni”.

Vlahovic Martial Juventus
Dusan Vlahovic © LaPresse

Vlahovic alla Juventus, la richiesta della Fiorentina

Nel corso dell’intervento, Daniele Pradè ha parlato anche della valutazione dei viola per il giovane e talentuoso attaccante serbo: “Sopra i 70 milioni di euro, senza contropartite o modalità di pagamento a tanti anni. Questa è una cosa che Commisso ci ha imposto. Mi ricollego alle parole di Barone di ieri: tutte le nostre porte sono aperte in questa situazione. Vogliamo capire cosa vogliono gli agenti e il calciatore, cosa vogliono fare”.

LEGGI ANCHE >> Juve, ESCLUSIVO Amoruso: “Vlahovic? Ho una sensazione. Vi dico la mia su Dybala”

“Dobbiamo capire bene cosa vogliono gli agenti e il calciatore. Le nostre porte sono aperte a tutti” ha assicurato Pradè non chiudendo, dunque, le porte alla Juventus. E sul possibile sostituto del bomber classe 2000: “È una domanda che va troppo oltre. Una società che lavora deve stare sempre attenta a ciò che succede sul mercato, ma occorre sempre pensare che siamo al 24 di gennaio”.