Vlahovic cambia i piani della Juve: doppio rinnovo e colpo in mediana

Brilla la nuova Juventus targata Vlahovic. Il serbo cambia anche le strategie della società, pronta a rinnovare il rapporto con due big

Dopo le vittorie su Verona e Sassuolo, la Juventus si proietta verso la sfida ‘Champions’ contro l’Atalanta. Al centro dell’attacco, Massimiliano Allegri potrà contare su Dusan Vlahovic. Il serbo, in gol nelle prime due apparizioni con la maglia bianconera, ha rivoluzionato il reparto offensivo.

Allegri Morata Dybala
Allegri e Morata ©LaPresse

LEGGI ANCHE >>>Calciomercato Inter, no a 28 milioni: firma con la Juventus

Le posizioni di Morata e Dybala, sono infatti cambiate sia a livello tattico che a livello economico. La Juve sembra intenzionata a prolungare il contratto all’argentino ed a riscattare l’ex Real Madrid, trovando un accordo definitivo con l’Atletico di Simeone. Lo spagnolo ha finora servito un assist decisivo al serbo in occasione di Juventus-Verona ed ha contribuito all’assalto finale nei quarti di Coppa Italia contro il Sassuolo, decisp all’ultimo da una magia del nuovo numero 7 bianconero. Mister Allegri, da gennaio, ovvero da quando era finito nel mirino del Barcellona, non smette di elogiare Morata, dando l’impressione che il riscatto non è più un’utopia.

Calciomercato Juventus, Dybala e Morata restano: tutto sulla mediana

Dybala Morata Calciomercato
Vlahovic e Dybala ©LaPresse

Febbraio è il mese decisivo per i rinnovi contrattuali in casa Juventus. Il più ‘discusso’ è senz’altro quello di Paulo Dybala, tornato a sorridere e a segnare con Vlahovic in campo. Dopo Verona e Sassuolo, l’impressione è quella che Allegri sia pronto a schierare il tridente Dybala, Morata, Vlahovic anche in altre partite in stagione, per poi inserire Chiesa a partire dal prossimo anno.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, l’ombra di Ancelotti sul parametro zero | Juve beffata

La permanenza dei due assi bianconeri esclude un altro colpo in attacco. Molto più probabile, che Nedved, Cherubini e Arrivabene, possano investire il tesoretto – qualificazione alla Champions League permettendo – su un top player a centrocampo.