Barcellona-Napoli, Spalletti contro il Var: “Rigore inesistente”

Le parole di Luciano Spalletti nel post partita di Barcellona-Napoli. Il tecnico non accetta la decisione dell’arbitro per il rigore dell’1-1 blaugrana

Il Napoli esce a testa alta dal Camp Nou, dopo essere rimasto in vantaggio per mezz’ora di gioco grazie alla rete di Zielinski. Decisivo il rigore trasformato da Ferran Torres, fischiato – con l’ausilio del Var – per un leggero tocco di mano di Juan Jesus. La decisione non è andata giù a Luciano Spalletti, incredulo per la concessione del penalty nell’intervista post partita.

Spalletti Napoli Barcellona
Luciano Spalletti ©LaPresse

Il mister toscano non nasconde la sua amarezza per il pareggio: “Rigore inesistente, la palla non cambia direzione. La prende con il mignolo – prosegue ai microfoni di Sky Sport – e mi sembra anche abbastanza giù la mano. Il movimento è naturale, il braccio non è apertissimo. Loro hanno meritato il pareggio ma questo non è calcio di rigore.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, si complica l’affare a zero: insidia dalla Germania

Barcellona-Napoli, Spalletti su Osimhen e la gara di ritorno

Spalletti Barcellona Napoli
Esultanza Napoli ©LaPresse

La prestazione di Osimhen è stata di enorme sacrificio anche se è mancato il gol. Mister Spalletti non è contento dei numerosi offside fischiati al nigeriano: “Osimhen deve imparare ancora delle cose, gli hanno fischiato 4 o 5 fuorigioco, lui deve sapere di essere in fuorigioco. È uno che ti fa respirare, riesce poi da solo a tenere occupato tutto il reparto”.

LEGGI ANCHE>>>Scambio e super sfida per l’erede di Alex Sandro: la Juventus cala il jolly

Giovedì 24 febbraio è previsto il ritorno allo stadio Maradona. Una partita decisiva per le ambizioni europee del Napoli: “Noi dobbiamo fare ancora dei passi in avanti, non dobbiamo abbassarci troppo e poi è necessario migliorare nel palleggio ed essere abili nel liberare un centrale avversario, così come hanno fatto loro nella ripresa – prosegue Spalletti -. Il Napoli esce da Barcellona consapevole dei suoi mezzi. Quando abbiamo pressato bene gli abbiamo creato dei problemi anche se nel complesso loro hanno avuto più palle gol di noi”.