Dietrofront Milan, la scelta di Maldini non piace ai tifosi

Secondo le ultime indiscerzioni la dirigenza avrebbe fatto dietrofront rispetto ad alcuni obiettivi di mercato: i tifosi non gradiscono

Con l’ambiente ancora su di giri per il fanstastico Scudetto conquistato in barba ai pronostici di inizio anno, il Milan si gode il momento avendo anche incassato il sì di RedBird al cambio di proprietà. Le ambizioni del club rossonero sono sempre alte: c’è la volontà, che per un club blasonato come il Milan è quasi una necessità, di riportare i rossoneri a primeggiare anche in Europa.

Divock Origi Calciomercato
Divock Origi © LaPresseà

Pronti, via! ed il mercato del Dt Paolo Maldini ha subito regalato a Stefano Pioli l’ormai ex attaccante del Liverpool Divock Origi. Un colpo  a paranetro zero, pianificato da tempo, che sarà utile al tecnico nelle sue rotazioni offensive. La dirigenza meneghina ha continuato però a seguire altri profili per il fronte offensivo: da Berardi a Scamacca passando per Luka Jovic, sono tante le indiscrezioni attorno ai possibili colpi in entrata del Milan.

Maldini dice basta: l’attacco del Milan si ferma ad Origi?

Paolo Maldini Calciomercato
Paolo Maldini © LaPresse

Secondo indiscrezioni riportate stamane dal quotidiano Tuttosport, ci sarebbe stato però un drastico cambio di rotta nelle priorità del club Campione d’Italia. Un po’ per tenere sotto controllo il bilancio – Gerry Cardinale è appena arrivato e deve intanto pianificare con attenzione gli investimenti – un po’ per non sovraffollare il reparto offensivo, i colpi in attacco potrebbero essere finiti qui. Nessun derby di mercato con l’Inter per il bomber Scamacca. Nessun corteggiamento per Berardi. Gli affari milionari verranno destinati, ove ce ne fosse la possibiitàe l’opportunità, ad altri reparti.

La notizia ovviamente ha fatto il giro dell’etere non lasciando troppo soddisfatti i tifosi rossoneri. Che già sognavano un nuovo bomber da affiancare all’intoccabile Rafael Leao. Certamente l’abile Maldini non si lascerà sfuggire eventuali occasionissime che il mercato potrà regalare, giocando magari su una formula che bene si incastri con le esigenze della nuova proprietà. Ma se parliamo di aste milionarie, quelle non ci saranno…