Da Onana a Dybala passando per Lautaro: Inzaghi vuota il sacco

Tanti i temi affrontati da Simone Inzaghi nella conferenza stampa alla vigilia del difficile match di Champions contro il Barcellona

È forse il match più importante di questo scorcio iniziale di stagione. E certamente anche uno dei più difficili. L‘Inter aspetta il Barcellona a San Siro per un incontro che potrebbe segnare le sorti sia del tecnico Inzaghi, che dello stesso prosieguo della squadra nerazzurra in Champions League. Senza Romelu Lukaku, e con Lautaro Martinez acciaccato, i meneghini proveranno la grande impresa contro una squadra che, oltre ad essere formidabile davanti, può vantare una difesa granitica. Il Barcellona può infatti vantare l’invidiabile record di un solo gol subìto, datato 21 agosto, in sette gare di Liga.

Lautaro Martinez infortunio
Lautaro Martinez © LaPresse

Nella consueta conferenza stampa alla vigilia del match, Simone Inzaghi ha affrontato tanti temi: dall’alternanza Onana-Handanovic al rimpianto Paulo Dybala, passando per le condizioni fisiche del ‘Toro’ argentino, ecco le parole dell’allenatore piacentino.

La conferenza stampa di Inzaghi: le verità del tecnico

Simone Inzaghi conferenza stampa
Simone Inzaghi © LaPresse

Credo che bisogna aspettarsi di più da tutti. Asllani ha fatto una buona gara, vedremo domani, ma è pronto per giocare anche queste gare. Il Barcellona è una squadra forte e completa, insieme al City e al Bayern, offre il miglior calcio europeo. Sappiamo l’importanza della gara, la classfica è aperta, abbiamo un girone proibitivo ma ce lo giocheremo con tutte le nostre forze. Domani giocherà Onana ma valuterò gara per gara“, ha esordito Inzaghi.

Lautaro verrà valutato, Correa sta bene, avremo 11 gare ogni tre giorni che spero di poter affrontare con la rosa al completo, Brozovic e Lukaku non ci saranno per un altro po’ ma abbiamo giocatori per sostituirli. La stagione si cambia con le vittorie e i risultati, domani abbiamo una grande opportunità, incontriamo una delle migliori squadre d’Europa, ha perso a Monaco, ma hanno qualità altissime, dovremo fare una gara di corsa e determinazione“, ha proseguito.

Inzaghi ribalta l'Inter: via un big per il pupillo dell'allenatore
Simone Inzaghi © LaPresse

Rimpianto Dybala? Non decido io, c’è una proprietà con la quale lavoriamo e decidiamo, si è fatta una scelta tra Dybala e Lukaku ed è stata una scelta condivisa. Esonero? Gli allenatori dipendono sempre dai risultati, vale così anche per me“, ha concluso il tecnico.