Sarri dice no: salta l’affare con la Juventus

Anche la Lazio ha non pochi problemi per quanto riguarda il calciomercato in entrata. Sarri è alla continua ricerca di alcune pedine chiave da inserire in rosa e possibilmente già a gennaio

Non è una novità che la Lazio si trovi ad affrontare problemi di organico. Il caso principe è sicuramente quello del vice Immobile, che da anni attanaglia la compagine capitolina. Prova ne sia l’ultima partita di campionato contro la Juventus, dove l’assenza di un bomber di peso come l’attaccante di Torre Annunziata si è fatta sentire e non poco.

Sarri pone il veto su Pellegrini
Maurizio Sarri ©LaPresse

Tuttavia c’è un altro settore del campo che è da sempre riservato a giocatori adattati e che non ha mai visto calciatori di ruolo. Stiamo ovviamente parlando della fascia sinistra della retroguardia a 4, reparto al quale Sarri tiene molto, anzi, sul quale si fonda il suo stile offensivo e propositivo. La difesa della Lazio è una delle migliori del campionato, ma è necessario trovare un terzino sinistro e le opzioni prospettate finora non piacciono al mister napoletano.

Sarri dice no, Pellegrini bocciato

In questi giorni alla Lazio è stato proposto il profilo di Luca Pellegrini in qualità di terzino sinistro. L’operazione poteva essere improntata su un prestito fino a giugno o su un trasferimenti in estate, ma mister Sarri non ha avallato il suo ex terzino dei tempi della Juventus.

Pellegrini snobbato da Sarri
Luca Pellegrini ©LaPresse

Pellegrini è in prestito all Eintracht dalla Juventus e a giugno farà rientro in Italia senza aver convinto troppo in Germania. Maurizio Sarri però ha un solo nome in testa: quello di Fabiano Parisi. Il terzino dell’Empoli è seguito già da questa estate e Sarri farebbe carte false per averlo, soprattutto per la sua costanza e la sua duttilità. Inoltre il ragazzo di 22 anni ha anche familiarità con il gol, basti pensare che in questa prima parte di stagione ha messo a segno 2 reti, non poco per un difensore. L’Empoli chiede almeno 15 milioni per il trasferimento, ma i buoni rapporti tra Corsi e Lotito potrebbero fare la differenza.