Liga, “filo diretto”: Mou abbandona l’allenamento in anticipo. E dalla Catalogna…

Calcio

LIGA MOURINHO – Nuova puntata della “telenovela Mourinho“. Dopo aver ceduto lo scettro del più criticato a Guardiola ed al suo Barcellona per qualche ora, ecco il ritorno in grande stile del portoghese ‘blanco’.

‘As’ riporta oggi come il tecnico del Real abbia abbandonato l’allenamento a ranghi estremamente ridotti a Valdebebas, questa mattina, con una ventina di minuti di anticipo. Una scena a dir poco innovativa, “alla Mourinho” per intenderci. E per nulla casuale.

Infatti lo stesso quotidiano madrileno ha prontamente ricordato le parole del tecnico di qualche settimana fa, quando al rifiuto del Real di concedergli il “prestito” in nazionale portoghese, lo stesso Mou aveva opposto un’obbiezione molto chiara, in allegato al rispettoso “obbedisco”. Infatti i pochi giocatori della rosa rimasti a Madrid e non partiti per le rispettive nazionali non richiedevano secondo l’allenatore una sua presenza in questi 10 giorni: quale modo migliore di ricordarlo a Florentino Perez, se non abbandonare lui stesso in anticipo la seduta, sottolineando la tesi?

A questo si aggiunga l’attacco di stamattina del ‘Mundo Deportivo’: dalla Catalogna, in seguito al 6-1 pirotecnico di domenica che ha zittito i critici tifosi e media della capitale, hanno ricordato come nonostante l’ultimo exlpoit il bilancio di questo primi mesi sia al di sotto delle attese. Ad aggravare il tutto ci sarebbero le critiche troppo dure a vari elementi della rosa (ovvio richiamo a Pedro Leon) e soprattutto il fatto che le stesse dure parole non siano mai state rivolte al compaesano Cristiano Ronaldo, pur sottotono in molti match.

Con la sosta alle porte, niente di meglio che un Mourinho da innalzare a protagonista maximo, come ben sanno i giornalisti italiani ed inglesi…

Luca Brivio – www.calciomercatonews.com

Tags:

© 2013. Calciomercatonews.com - Tutti i diritti riservati

Testata web registrata p.sso: Registro ROC N° 17082

NextMediaWeb srl P.iva 09689341007

Back to Top