Quarantena violata | Arrestato (e rilasciato) fratello giocatore Serie A

fratello Pastore
Pallone Serie A (Getty Images)

Ha violato la quarantena ed è stato arrestato dalla polizia. Disavventura in argentina per il fratello del calciatore della Roma

Il mondo intero sta attraversando una fase molto delicata. Il coronavirus si è rivelato un nemico spietato e difficile da contrastare. Le conseguenze nel mondo dello sport e del calcio sono e saranno, in alcuni casi, disastrose, con lo stop dei campionati che rischia di diventare definitivo, cancellando gli sforzi fatti fino a marzo. Saranno le autorità a dare indicazioni su tempi e modalità di un’eventuale ripartenza quando il pericolo sarà passato, intanto le istituzioni sanitarie in tutto il mondo impongono prudenza. Poco prudente, invece, è stato Juan Manuel Pastore, fratello del centrocampista della Roma Javier.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, Juventus respinta | “Tutte invenzioni, non voglio andarmene!”

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, assalto del Barcellona | Messi dà l’ok

Pastore, la disavventura del fratello

Il ventisettenne è stato infatti arrestato venerdì pomeriggio a Cordoba per aver violato la quarantena. Il ventisettenne è stato fermato in Argentina ad un controllo della polizia sulla Route 38, mentre era alla guida di un fuoristrada insieme alla sorella Lorena (che, invece, aveva un regolare permesso per spostarsi). El Diario de Carlos Paz riferisce di come il ragazzo sia stato portato alla stazione di polizia di locale (a Carlos Paz) dove sarebbe stato trattenuto per circa un paio d’ore prima di essere finalmente rilasciato e fatto rientrare a casa.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, Pogba vicino | Accordo ad un passo

fratello Pastore
Javier Pastore (Getty Images)

Insomma, qualche ora trattenuto dalla polizia e poi di nuovo a casa: per il fratello del trequartista Pastore soltanto uno spavento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Calciomercato, la Juventus fa ‘infuriare’ Ronaldo | Cambia tutto!

Inghilterra, furia contro Capello: “Non mi ha mostrato rispetto”