Calciomercato Inter, doppio rimpianto | Cambiano i piani di Zhang

C’è la delusione di Zhang per l’ultimo calciomercato: l’Inter prepara la nuova mossa per il proprio calciatore

L’Inter sta provando a rialzarsi in queste settimane dopo un avvio difficile di stagione e può sicuramente puntare a traguardi importanti nonostante l’eliminazione anticipata in Champions League, dove l’ultimo posto nel girone ha tolto gli impegni infrasettimanali della seconda metà di stagione.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, ennesimo indizio | Top deluso: può chiedere la cessione

Restano dunque Serie A e Coppa Italia, che potrebbero sicuramente regalare una grande gioia ai nerazzurri visto che un trofeo manca da ormai quasi dieci anni. Per farlo però non bisogna più commettere passi falsi e restare in scia al Milan, che è in vetta alla classifica con un solo punto di vantaggio.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, a Pirlo serve un regista | Scambio a sorpresa!

Calciomercato Inter, Nainggolan ora può andare via in prestito. Rimpianti anche per Perisic

Calciomercato Inter, scambio per Gomez: parla Ausilio
Radja Nainggolan (Getty Images)

Mentre la squadra è concentrata sul campo, la società continua a pensare al calciomercato e intanto crescono i rimpianti per delle situazioni riguardanti la sessione estiva di trattative. In particolare le decisioni riguardo Nainggolan e Perisic non sembrerebbero essere quella migliori. I due hanno avuto poco spazio o comunque hanno deluso fin qui.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, big in bilico | Ipotesi scambio in Serie A!

L’Inter sarebbe pentita di aver trattenuto Nainggolan rifiutando il prestito al Cagliari per provare a monetizzare. Oggi, a differenza di pochi mesi fa, rispunta il trasferimento temporaneo che accontenterebbe il belga e i nerazzurri. C’è anche una critica del presidente Zhang riguardo la gestione di Ivan Perisic, per il quale sono stati rifiutati 10-15 milioni di euro offerti dal Bayern Monaco.

Perisic calciomercato Emerson
Ivan Perisic (Getty Images)

Entrambi i calciatori sono rimasti alla corte di Antonio Conte e fin qui non hanno dato il loro contributo, per cui probabilmente un addio a settembre sarebbe stato più proficuo.