Calciomercato Juventus, Paratici svela il futuro di Cristiano Ronaldo

Ai microfoni di Sky Sport, Fabio Paratici ha risposto a qualche domanda, una su tutte quella sul rinnovo di Cristiano Ronaldo

Juventus-Lazio, giallo Cristiano Ronaldo | Lo scenario
Cristiano Ronaldo © Getty Images

Prima della delicata sfida di Champions League tra Juventus e Porto, in scena all’Allianz Stadium di Torino, il ds bianconero Fabio Paratici è intervenuto ai microfoni di Sky Sport chiarendo qualche dubbio sul calciomercato, ma soprattutto sul futuro del campione portoghese, Cristiano Ronaldo.

LEGGI ANCHE >>>> Inter, rendimento pessimo di Vidal | Anche Conte gli preferisce Eriksen

Calciomercato Juventus, Paratici su Ronaldo: “Rinnovo non è all’ordine del giorno”

Ronaldo Juventus Spezia
Ronaldo (Getty Images)

Andrea Pirlo, mister della Juventus, traballa. E la prova del nove sarà proprio stasera, nella delicatissima partita degli ottavi di finale di Champions League dei suoi contro il Porto, una partita da dentro o fuori, in tutti i sensi. Per stemperare un po’ il clima di tensione, prima del fischio di inizio, ai microfoni di Sky Sport, è intervenuto il direttore sportivo bianconero, Fabio Paratici, che ha risposto alle domande dei giornalisti e degli opinionisti presenti in studio.

LEGGI ANCHE >>>> Calciomercato Milan, super scambio in Spagna | Proposti due talenti

Il piacentino ha parlato soprattutto del futuro di Cristiano Ronaldo, con l’asso portoghese, cinque volte Pallone d’oro, che è in scadenza di contratto con la Juventus nel 2022: “Non è all’ordine del giorno, fortunatamente ha ancora un anno di contratto con noi“, ha dichiarato il ds, che ha risposto anche alla provocazione dell’ex attaccante e capitano bianconero Alessandro Del Piero.

Calciomercato Juventus, rispunta Jorginho | Scambio clamoroso
Paratici (Getty Images)

Il veneto, campione del mondo con l’Italia nel 2006, ha infatti domandato a Paratici se l’anno prossimo Ronaldo potrebbe giocare assieme al suo eterno rivale, Lionel Messi, il cui contratto con il Barcellona scade invece a giugno di quest’anno e che già a settembre voleva lasciare la Catalogna: “In questo momento tutto il calcio deve fare delle riflessioni di un altro tipo e credo che sia improbabile come idea”, ha detto il piacentino.

LEGGI ANCHE >>>> CMNEWS | Germania, sogno Klopp per il post Low: ecco le alternative

Se Atene piange, infatti, Sparta non ride. La situazione economico finanziaria dei blaugrana non è delle migliori, ma anche la Juventus non è messa benissimo. E più che aggiungere carne al fuoco, con lo stipendio della Pulce, appunto, avrebbe bisogno di snellire il suo monte ingaggi, e qualche partenza illustre non è scongiurata.