Inter, le parole di Javier Zanetti | “Grande lavoro di Conte, su Messi…”

Le parole di Javier Zanetti sulla stagione dell’Inter di Conte e un paragone con quella di José Mourinho

L’ex capitano e vicepresidente nerazzurro Javier Zanetti ha parlato della stagione dell’Inter a ONTime Sports: “Da quando Conte è arrivato all’Inter sta facendo un grande lavoro di crescita sui ragazzi. Il primo posto in classifica è merito loro e del loro lavoro quotidiano”. In merito all’eliminazione della Juventus dalla Champions League l’ex capitano nerazzurro si è espresso così: “Noi dobbiamo concentrarci su noi stessi, siamo concentrati sulla prossima partita col Torino e non pensiamo ad altro. Cristiano Ronaldo? Credo sia stato un bene vederlo arrivare in Italia, giocatori simili alzano notevolmente il livello del campionato italiano”.

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato, Messi segue Ronaldo all’ uscita dalla Champions | Quale sarà il suo futuro

Javier Zanetti
Javier Zanetti (Getty Images)

Javier Zanetti si è anche espresso sul suo connazionale Leo Messi, accostato all’Inter in estate: “Non possiamo mai dirlo, ma credo che continuerà a giocare al Barcellona, ha giocato tutta la sua carriera in quel club e credo che continuerà. Noi ci concentriamo sui nostri giocatori. Difficile fare un paragone tra lui e Diego Maradona, sono entrambi due grandissimi campioni”.

Inter, Javier Zanetti su Lukaku e gli anni di Mourinho

Mourinho
Josè Mourinho (Getty Images)

Javier Zanetti ha anche parlato della Nazionale argentina: “Spero che la Nazionale argentina possa fare un buon lavoro e vincere qualcosa di importante. Vincere non è facile, bisogna lavorare tanto”. Il vicepresidente si è anche soffermato sulla stagione di Romelu Lukaku: “Grandissimo attaccante e ragazzo molto disponibile ma credo che tutti i ragazzi stiano facendo grandi cose”. Poi sul paragone con l’Inter del 2010 ha risposto così:

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Milan, il big non parte | Pioli può esultare

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Juventus, addio Ronaldo | Lo scambio è possibile

“La Champions League non è mai facile affrontarla, tutti i dettagli fanno la differenza. Difficile fare paragoni con l’Inter del 2010, l’anno del Triplete si era creata una grande famiglia, Mourinho ci teneva a vincere e lo ha trasmesso a noi giocatori con il lavoro quotidiano e la costanza. La sua personalità e la sua passione sono stati fattori decisivi”.