De Ligt, spunta la clausola a sorpresa: allarme Juventus

La clausola di 120 milioni inserita nel contratto del giocatore olandese non vale per tutti i possibili acquirenti: la mossa di Raiola spiazza la Juventus

Si fa un gran parlare dell’interesse di alcuni top club europei su Matthijs De Ligt, il difensore olandese della Juventus pagato a peso d’oro nell’estate del 2019. In fase di stipula del contratto, il club bianconero fissò una clauosla rescissoria di 120 milioni: un tetto che avrebbe messo la Juve al riparo da possibili assalti al suo giocatore.

LEGGI ANCHE >>> L’accordo salta per colpa di de Ligt: via libera per il Milan

Matthijs De Ligt corre
Matthijs De Ligt © LaPresse

Second però quanto riferito dal quotidiano catalano Sport, il potente agente dell’olandese – Mino Raiola – avrebbe preteso ed ottenuto che questa cifra potesse essere abbassata qualora il giocatore si fosse trasferito ad una società di punta della Liga spagnola. In caso di passaggio a suddetto club, il costo della rescissione sarebbe stato identico a quanto speso dalla Juve in fase di acquisizione del calciatore dall’Ajax. Ovvero 75 milioni.

La clauosla Raiola sull’olandese: allarme Juventus

Mino Raiola, agente sportivo
Mino Raiola © Getty Images

Il club che dovrebbe beneficiare, in caso di acquisto, dello ‘sconto’ sulla clausola rescissoria originaria di De Ligt è il Barcellona di Joan Laporta. La mossa del potente procuratore potrebbe sconvolgere le strategie di mercato dei bianconeri qualora il club catalano decidesse davvero di mettere sul piatto la cifra concordata con l’agente del difensore. L’interessamento del Barcellona per De Ligt risale del resto all’estate del 2020, quando poi il club allora presenziato da Bartomeu decise di iniziare il corteggiamento per Eric Garcia. Lo spagnolo arrivò alfine in Catalogna un anno dopo – nella scorsa estate – ma il sogno De Ligt non è mai stato abbandonato.

LEGGI ANCHE >>> De Ligt a tutti i costi, Ancelotti tenta la Juventus: scambio più cash

Tuttavia, sempre secondo Sport, aggirato almeno parzialmente il costo monstre del cartellino, per la società blaugrana si porrebbe il problema dell’ingaggio del calciatore. Gli 8 milioni netti annui fissi – con una parte variabile di altri 4 milioni – percepiti dall’olandese sono al momento un grande scoglio nell’ipotetica trattatva per un suo arrivo alla corte di mister Xavi.