Non solo Morata: i prestiti in bilico in Serie A

Da Morata a Brahim Diaz, in Serie A i club studiano le situazioni dei giocatori in prestito

L’imminente avvio della sessione invernale di calciomercato, induce le società della Serie A a riflettere sui prossimi colpi, a partire dai calciatori in prestito. Juventus e Milan in particolare, hanno l’opzione di riscatto su due big spesso impiegati da Allegri e Pioli.

Brahim Diaz prestito Milan
Brahim Diaz ©GettyImages

Si tratta di Alvaro Morata e Brahim Diaz. Il primo, tornato alla Juventus la scorsa stagione, è in prestito dall’Atletico Madrid: la Juve a giugno può riscattarlo per 35 milioni oppure lasciarlo rientrare in Spagna, dove piace molto al Barcellona di Xavi. Simile il discorso di Brahim Diaz, di proprietà del Real Madrid: per due stagioni consecutive, i rossoneri lo hanno prelevato in prestito dalle Merengues. L’accordo dell’estate 2021, prevede un prestito con diritto di riscatto e controriscatto. Brahim Diaz è molto impiegato dal suo tecnico – 20 presenze e 4 gol – e la società potrebbe pensare seriamente di riscattarlo. Anche il Napoli deve valutare la situazione di un giocatore in prestito in Francia.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, Xavi mette ko la Juventus: svolta Barcellona

Nodo prestiti da risolvere in Serie A: Morata, Brahim Diaz e Milik preoccupano Juventus, Milan e Napoli

Milik prestito Napoli
Milik ©LaPresse

L’avventura di Arkadiusz Milik al Napoli è stata a dir poco travagliata. Dopo un ottimo inizio, il polacco è finito fuori rosa e successivamente in prestito al Marsiglia. In Francia ha totalizzato 18 reti in 32 presenze, dimostrando di essere ancora abile sottoporta.

LEGGI ANCHE >>>L’accordo salta per colpa di de Ligt: via libera per il Milan

Il contratto di Milik con il club partenopeo termina nel 2023, pertanto a giugno De Laurentiis potrebbe valutare l’ipotesi di cessione a titolo definitivo per scongiurare di perderlo definitivamente a zero nella prossima stagione. L’accordo con il Marsiglia prevede un obbligo di riscatto condizionato.