Lazio, Sarri perde il big | Sgarbo alla Juve per il pupillo

Maurizio Sarri si prepara a salutare un big, sul quale è forte l’interesse della Juventus: la ‘vendetta’ sulla Vecchia Signora è già pronta

L’altalenate stagione della Lazio – la zona Champions è lontana, e la Coppa Italia è già andata – potrebbe portare dei grandi cambiamenti nella prossima stagione. L’insofferenza di alcuni big-  Luis Alberto su tutti – rischia di rivoluzionare i programmi di Lotito e Tare.

LEGGI ANCHE >>>La Juventus ne sacrifica cinque: tesoretto per Milinkovic-Savic

Sergej Milinkovic-Savic Calciomercato
Sergej Milinkovic-Savic © LaPresse

Oltre al ‘Mago’, c’è un altro campione, in assoluto il più richiesto sul mercato, che alla fine di questa stagione potrebbe salutare. Parliamo ovviamente di Sergej Milinkovic-Savic, il ‘Sergente’ a cui la Lazio ora potrebbe andare un po’ stretta. Il pressing portato sul centrocampista dalle big d’Europa ma soprattutto dalla Juventus potrebbe portare ad una fumata bianca fino a qualche tempo fa impensabile. Il club capitolino ha capito di non poter trattenere il serbo all’infinito, tanto più che con i soldi derivanti dalla sua cessione finalmente la società potrebbe muoversi sul mercato senza gli annosi problemi dell’indice di liquidità tanto stringenti la scorsa estate.

Calciomercato Lazio, la ‘vendetta’ di Sarri sulla Juve: obiettivo Jorginho

Jorginho Calciomercato
Jorginho © LaPresse

Alimentando indiscrezioni già emerse negli ultimi giorni, il giornalista esperto di mercato Niccolò Ceccarini ha rivelato che la Juve starebbe mettendo gli occhi anche su Jorginho, vecchio pallino di Maurizio Sarri dai tempi della comune esperienza a Napoli. Il fatto che la Vecchia Signora, dopo il ‘Sergente’, rischi di soffiare alla Lazio anche il metronomo di centrocampo, proprio non va giù al tecnico di Figline Valdarno.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juve, il ritorno del big | Doppio colpo in vista

La dirigenza biancoceleste dunque, su indicazione di Sarri, potrebbe presto mettere in atto una manovra di disturbo sul centrocampista della Nazionale. Certo, il problema del lauto ingaggio percepito dall’italo-brasiliano rappresenta un problema, ma le rinnovate ambizioni del club romano, unite al piacere tecnico di essere allenato da chi ne ha decretato la consacrazione a livello internazionale, potrebbero spingere Jorginho ad accettare le avances della società capitolina.