Allegri non molla Di Maria, la Juve lancia l’ultimatum

In attesa ormai da settimane di una risposta, la Juve ha deciso di lanciare un ultimatum ad Angel Di Maria: Allegri scalpita

Di Maria sì, Di Maria no. Passano le settimane e quello che ad oggi è il giocatore sul quale la Juve sta occupando più tempo pur di riuscire a strappare l’ok al trasferimento, nicchia. La prestazione monstre, da fuoriclasse assoluto, messa in mostra contro l’Italia nella Finalissima 2022 di Wembley ha attirato anche l’attenzione di altri club.

Angel Di Maria esultanza
Angel Di Maria © LaPresse

Non che servisse quel match per convincersi del valore del ‘Fideo’, ma vederlo in grande spolvero a fine stagione ha convinto altre societàa farsi avanti. Il Barcellona, ad esempio, aveva provato una manovra di disturbo. Che per inciso sembrava anche poter andare a buon fine. Negli ultimi giorni però, lo scenario sarebbe nuovamente cambiato.

Di Maria, ultimatum della Juve: Allegri perde la pazienza

Massimiliano Allegri urla
Massimiliano Allegri © LaPresse

Secondo quanto riferito dall’edizione on line di ‘Repubblica’, l’ipotesi Barcellona si fa sarebbe fatta via via più complicata, dato che Xavi avrebbe altre idee per quel ruolo. La Juve resta dunque la più seria pretendente  -almeno a livello di Top 5 camoionati d’Europa – nella corsa al giocatore. La dirigenza però non è disposta più ad attendere, ed avrebbe lanciato un vero e  proprio ultimatum. Entro lunedì prossimo l’ex Real Madrid deve dare una risposta.

L’offerta bianconera è di un contratto biennale da 7,5 milioni a stagione o un contratto annuale da 6 milioni annui. A livello strettamente economico, Di Maria non potrebbe chiedere di meglio, visto che anche il supposto corteggiamento del Rosario Central, squadra nella quale è cresciuto e dove è nato, nel 1992, non potrebbe mai permettersi cifre simili. Max Allegri attende con ansia una risposta: secondo il quotidiano nazionale il tecnico sarebbe molto contrariato per la debole campagna acqusti operata finora. Non mettere a segno nemmeno il colpo Di Maria signicherebbe aprire un fronte di tensione con la dirigenza…