Home Archivio articoli Inter, nel 1998 Olic fu ad un passo

Inter, nel 1998 Olic fu ad un passo

CONDIVIDI

MONACO DI BAVIERA (Germania)  «Niente di personale, non ce l’ho con voi», ridacchia Ivica Olic, con i suoi occhioni sgranati. Già, però tre indizi fanno una prova: segnò all’Italia al Mondiale 2002, fece doppietta alla Juve nell’Emirates Cup 2008 ed è tra i responsabili, con il suo gol all’Olimpico, dell’esclusione bianconera dagli ottavi di questa Champions. La fama di «anti-italiano» del 31enne croato è più che motivata, tanto da allarmare l’Inter. Eppure a Olic l’Italia piace. E l’Inter ancora di più. Ivica da Slavonski Brod, uno che potrebbe impedire all’Inter la storica «tripletta», è un nerazzurro mancato. «Nel 1998, l’Inter giocò una partitella col Marsonia, la squadra della mia città natale — racconta Olic, men t re Schweinsteiger passa e gli dà un buffetto, con l’aria di chi quella storia l’ha già sentita più volte—. Mi notarono, mi fecero un provino di tre giorni e convinsi l’allenatore Simoni. Mentre attendevo che i club trovassero l’accordo per l’indennizzo, giocai qualche amichevole insieme al mio idolo Ronaldo, di cui conservo ancora una foto. Maprima che l’Inter mi mettesse sotto contratto, arrivò l’offerta dell’Hertha. E andai a Berlino, perché pensavo che lì la mia carriera sarebbe decollata più facilmente».

Fonte: Gazzetta dello Sport

La redazione di www.calciomercatonews.com