Home Archivio articoli Calciomercato Napoli, Cavani scosso per la rapina alla moglie: quale sarà il...

Calciomercato Napoli, Cavani scosso per la rapina alla moglie: quale sarà il suo futuro?

CONDIVIDI

CALCIOMERCATO NAPOLI CAVANI – Dopo la rapina nel novembre scorso ai danni di Yanina Screpante, fidanzata di Ezequiel Lavezzi che avrebbe giocato un ruolo determinante nella scelta del Pocho di lasciare Napoli, un altro colpo ai danni delle compagne dei giocaotri azzurri, rischia di compromettere il futuro della squadra, La rapina subita dalla moglie di Edinson Cavani, Maria Soledad, rapinata di un prezioso orologio (valore 18.000 euro circa) non lontano dallo stadio San Paolo ha scosso il campione uruguagliano che, al momento del fatto, si trovava a Londra con la Nazionale del suo Paese per le Olimpiadi di Londra.

Ieri, Cavani ha potuto parlarne con la moglie che è volata a Londra per assistere oggi all’esordio dell’Uruguay nel torneo olimpico contro gli Emirati Arabi. Soledad ha raccontato al marito di aver vissuto attimi di panico quando, mentre stava per raggiungere l’auto e tornare a casa, due malviventi le hanno strappato l’orologio che aveva al polso per poi fuggire a bordo di uno scooter. La signora Cavani, provata dalla situazione, si è fatta immediatamente accompagnare dai carabinieri per sporgere denuncia e soltanto a tarda sera ha finalmente fatto ritorno nell’abitazione di via Tasso al Vomero.

In pieno centro, la famiglia Cavani si è trasferita dopo il furto avvenuto lo scorso ottobre nella villetta di Lucrino. I coniugi Cavani erano in Uruguay con il figlioletto Bautista e al loro ritorno trovarono la casa svaligiata: furono trafugati oggetti d’oro e anche delle maglie da calcio. Maria Soledad non è più voluta tornare in quell’appartamento e così, fino al trasloco, ha vissuto in albergo. «Siamo abbastanza sfortunati nell’ultimo periodo – ha detto a Kiss Kiss Napoli Claudio Anellucci, uno degli agenti del giocatore, vittima anche lui a dicembre di una rapina a mano armata -. Quanto accaduto a Maria Soledad è un brutto episodio. Lei è ancora sotto shock. Ribadisco, però, che pochi delinquenti non rovinano una città meravigliosa come Napoli e non incrinano il rapporto fantastico che Cavani ha con la gente».

I tifosi del Napoli, però, non devono stare così tranquilli. Cavani chiese a Zamparini di andar via da Palermo proprio dopo aver subito, insieme al compagno di squadra Bertolo, un’aggressione mentre era alla guida della sua auto. Lo stesso De Laurentiis, in una intervista a Gr Parlamento del 28 settembre 2010, aveva detto: «Dopo essere stato minacciato, Cavani paventò l’ipotesi di andare via dal club rosanero: Zamparini, presidente intelligente e uomo attento, aveva capito tutto». Adesso, spetterà proprio a De Laurentiis convincere Cavani a rimanere a Napoli nonostante questi episodi lo abbiano particolarmente turbato. «Quando cose del genere si susseguono con una ripetitività quasi incredibile, ne sei ovviamente terrorizzato – continua Anellucci -. Cosa può succedere in seguito a questo evento? È ancora passato troppo poco tempo e, comunque, di mercato preferisco non parlare”.

Intanto, ieri è stato il direttore sportivo Riccardo Bigon a esprimere all’uruguaiano la solidarietà della società per quanto accaduto alla moglie, mentre via internet i tifosi si sono virtualmente stretti attorno all’attaccante: «Ho ricevuto tanti attestati di affetto che ho trasferito al ragazzo e alla moglie», chiosa Anellucci. Basterà l’amore dei napoletani per far dimenticare a Cavani questa brutta disavventura? Difficile dirlo. La Juventus aspetta alla finestra.

Stella Dibenedetto – www.calciomercatonews.com