Calciomercato Milan, c’è il piano per Balotelli, ma la trattativa si gioca su due tavoli… La parola all’Esperto

 

ESPERTO MERCATO – Ben ritrovati con un nuovo appuntamento con il nostro esperto di mercato che risponderà alle domande che avete postato. Prima di tutto vi ricordo di divenire fan della pagina personale su Facebook, cliccando qui, da questa pagina è anche possibile postare la domande da rivolgere all’esperto.

 

Salve esperto, grazie per la risposta, speriamo che il modulo rimanga questo! Detto questo mi farebbe piacere chiarire un po l’idee sul mercato del Milan! Sia Berlusconi che Galliani hanno sottolineato ke ci saranno investimenti anche perchè credo cullino ancora l’obbiettivo di arrivare terzi ed oggettivamente hanno ragione, l’unica squadra che è superiore al Milan è la Juve, Inter e Napoli con un buon mercato di gennaio sono avvicinabili non crede? Riguardo la difesa credo che le cessioni di Mesbah, Vilà faranno spazio ad un centrale che forse sarà Chiriches credo, visto che al Milan serve un difensore rapido non crede? Riguardo il centrocampo è vero che De jong è in ripresa dal punto di vista fisico ma oggettivamente continua a fare il semplice compitino!Quindi mi chiedo per incrementare il valore del centrocampo è più opportuno prendere un giocatore come Cigarini o Clasie e si alternino all’olandese o una giovane mezz’ala con doti simili a Montolivo per sostituirlo? Io opterei per un giocatore in grado di far entrambi i ruoli e quindi punterei su Mugni! E’ vero che molti sostengono sia un trequartista ma vedendolo giocare onestamente a me sembra più una mezz’ala! Nel senso che non ha la velocità ne il dribling di un Kakà,un Robinho ne mi sembra uno che punti la porta e segni con frequenza! Quiindi credo che per sfruttarne la visione di gioco e la sua dote principale l’assist possa esser impostato come mezz’ala avendo un fisico prestante! Secondo lei quali sarebbero le possibili scelte per il centrocampo? Discorso attacco, Berlusconi ha parlato chiaramente, per lui il tridente titolare è Pato, El Shaarawy, Bojan e Robinho! Partendo da questo presupposto mi spiega perchè la società che punta al terzo posto dovrebbe sacrificare non uno ma 2 pezzi che considera necessari al raggiungimento dell’obbiettivo stagionale? Riguardo a Robinho anche io credo che parta ma non prima di giugno perchè a dicembre il Milan non ha facolta economiche tempi e condizioni per prendere un valido sostituto! Pare poi che il Milan abbia già scelto il sostituto, F.Anderson che a gennaio non può arrivare ma a giugno,dopo averlo osservato per altri sei mesi il Milan può inserirlo nell’operazione Robinho motivo per cui mi creda a gennaio non parte! Riguardo Pato vorrei sfatare il mito che Berlusconi si è pentito! Tevez al presidente non è mai piaciuto ma Berlusconi ha bloccato l’acquisto per motivi economici sia perchè doveva dirottare l’intera somma ricevuta dal Psg al City sia perchè doveva corrispondergli uno stipendio doppio di quello del papero 8 mln 16 lordi quando aveva già deciso di tagliare gli ingaggi della società! Mi spiega quale attaccante giocando poco e male il milan può prendere con una media realizzativa uguale a quella del papero E CON SIMILI POTENZIALITà? Onestamente l’unico attaccante simile come potenziale è Balotelli ma molti non si accorgono che pur avendo grandi doti ha una media realizzativa molto più bassa di quella del brasiliano! Dopo quello che è successo in estate credo poco alla dirigenza ma credo che per motivi noti ossia economici soprattutto i due brasiliani non partono! Io credo che in attacco si possa verificare lo scambio Pazzini-Matri che ne dice? Chi potrebbe essere la mezzapunta da alternare a Robinho ed El Shaarawy!Saluti Francesco.

 

Caro Francesco ben ritrovato, noto con piacere che anche tu finalmente ti stai rendendo conto delle potenzialità del Milan, che certamente non è da scudetto, ma che non è così indietro (nelle gerarchie del campionato) come tu stesso e molti altri sostenevano. Dato per assodato che la Juventus è e rimane la squadra più forte credo che il Milan abbia il potenziale per giocarsela con tutte le altre squadre, questo lo sostengo da settembre, eri tu che sostenevi il contrario vedendo il Milan molto più indietro. Ma passiamo al mercato, come sai il Milan è alla ricerca di un difensore centrale, ma credo che a fare le valige non saranno solo Mesbah e Vilà, anche qualcuno che gioca in mezzo potrebbe muoversi visto che i centrali a disposizione del Milan sono già 5, e in questo caso il primo nome a cui penso è quello di Acerbi, che ancora non sta convincendo ne allenatore ne dirigenza. Riguardo il giocatore in entrata non c’è ancora niente di definito, perchè come sai il Milan è sempre molto attento alle opportunità di mercato che si presentano, ma posso dire che Chiriches è senza dubbio uno dei candidati principali a vestire rossonero. Riguardo il centrocampo l’infortunio di De Jong complica un pò le cose, l’idea iniziale della dirigenza era quella di acquistare un vice Montolivo, ora serve invece anche un giocatore che ricopra il ruolo di vertice basso davanti la difesa, perchè attualmente c’è solo Ambrosini in quella posizione od eventualmente Strasser. Strootman a mio avviso sarebbe l’ideale per ricoprire quel ruolo, ma oltre il costo elevato sono anche alte le resistenze del Psv che non vorrebbe privarsene fino a giugno. Escluderei comunque l’ipotesi Mugni, onestamente non credo che tu l’abbia davvero visto giocare altrimenti non avresti scritto certe cose che, francamente, mi sembrano molto sbagliate. Mugni non avrà lo spunto di Kakà, ma è un giocatore comunque rapido, che calcia bene da fuori area, e che punta l’uomo, non ha assolutamente a mio avviso le caratteristiche da mezz’ala ed è un giocatore troppo offensivo per essere schierato in quella posizione in un campionato come il nostro. Il fatto che un giocatore non sia velocissimo o non segni tantissimo non è sufficiente per dire che allora può essere schierato più indietro senza problemi, il calcio è molto più complesso Francesco, e anche per giocare mezz’ala servono caratteristiche specifiche che Mugni non ha non avendo mai giocato in quella posizione. Riguardo l’attacco non sono molto d’accordo e le parole di Galliani di qualche giorno fa appoggiano in pieno quanto detto da me! Alla domanda sul futuro di Robinho l’ad ha risposto dicendo “non so, vedremo” che è emblematico di questa situazione. In sintesi, il Milan non vorrebbe venderlo, non ne ha necessità adesso, ma se dal Santos dovesse arrivare l’offerta giusta… Credo comunque anche io che le possibilità che parta a gennaio sono poche, per cui non fraintendermi, non dico che partirà sicuro, dico solo che questa possibilità, seppur minima, c’è! Riguardo Pato sono ancora meno d’accordo, Pato a me piace moltissimo come giocatore, ma vedendo il rendimento che sta avendo anche in questa stagione, venderlo al Psg sarebbe stato un grande affare. Dopodichè si può discutere sulla scelta Tevez, probabilmente anche io avrei investito i soldi su un altro giocatore più giovane e con uno stipendio inferiore rispetto a quello dell’argentino. Sulle potenzialità di Pato non ci sono dubbi, il punto è che il brasiliano non sta rendendo per le potenzialità che ha e la dirigenza si sta stancando di aspettarlo. Non contano solo i gol, onestamente prima del nuovo stop nonostante avesse segnato sia con il Malaga che con l’Anderlecht a me non è mai piaciuto in nessuna delle sue apparizioni stagionali, l’ho visto sempre fuori dal gioco e dagli schemi dell’intera squadra. Inoltre ti ricordo che Pato percepisce uno stipendio importante, uno dei più alti della squadra e la scorsa stagione ha fatto un solo gol in campionato e un solo gol in Champions League. Uno squadra come il Milan, molto attenta al bilancio e alle spese di gestione non può permettersi di pagare un ingaggio così elevato (è uno dei più alti della squadra) per un rendimento così basso. Proprio perchè vanno razionalizzate le risorse finanziarie uno stipendio da top player (per i parametri del Milan si intende) andrebbe destinato ad uno che abbia anche sul campo il rendimento da top player e Pato purtroppo, vuoi per gli infortuni, vuoi per altri problemi di natura tattica non lo sta facendo. Io ti invito a riflettere su questa cosa, perchè al posto di Pato, con quello stipendio, potrebbe essere la punta di diamante del Milan, il top player della squadra, il colpo di mercato! Per concludere ti dico comunque con certezza che se Pato non partirà sarà solo e soltanto perchè non ha mercato, ovvero non ci sono squadre disposte ad acquistarlo oppure quelle che lo richiedono formulano offerte troppo basse che costringerebbero il Milan a minusvalenze troppo significative. Qualora ci fosse una squadra che presentasse un offerta simile a quella fatta del Psg l’anno scorso il Milan lo cederebbe senza ombra di dubbio, questo te lo posso garantire con certezza.  Concludo con l’ipotesi di scambio Matri-Pazzini, a mio avviso non si concretizzerà ma credo che ci possano essere dei margini per una trattativa, anche se non mi risulta che le squadre ne stiano parlando già concretamente.

 

Salve esperto, molte ma molte fonti tra le più accreditate, comprese Gazzetta e Corriere della sera spingono per Balotelli al Milan a gennaio! Faccio un ragionamento il giocatore è infelice a Manchester si allena male gioca poco e male di goal ne segna pochissimi! Sta per diventare papà per cui ha comprato una casa enorme presso Milano in cui torna ogni week! Non è amato dallo spogliatoio tranne che da Mancini che oramai si considera tecnico ad interim, infine in inghilterra dicono che il City prenderà una punta a gennaio e forse non farà neanche l’uefa! Detto questo le chiedo Raiola in settimana ha incontrato Braida, si potrebbe davvero aprire uno spiraglio per gennaio visto che Pato ancora non è guarito e che Mario sa giocare bene anche come punta esterna? E’ possibile che Berlusconi apra la campagna elettorale con il botto? Saluti.

 

Balotelli al Milan già a gennaio non è un utopia, ma è comunque un operazione molto difficile anche se i margini ci sono.  Le ragioni che tu hai elencato sono sostanzialmente giuste e credo anche io che se non sarà a gennaio prima o poi Balotelli approderà al Milan. Alla tua analisi mancano però due aspetti che non hai considerato: l’ingaggio del giocatore e il costo del cartellino. Tu continui a sostenere che nel Milan la davanti non partirà nessuno, che sia Pato che Robinho resteranno, allora ti chiedo come pensi che i rossoneri possano acquistare anche Balotelli? Pensi davvero che a lasciare il posto all’attaccante del City possa essere uno come Niang ad esempio? No, a mio avviso affinchè si concretizzi l’operazione il Milan dovrà liberarsi almeno di Pato, uno cioè dall’ingaggio peasante, sennò si innalzarebbe nuovamente il tetto ingaggi e gli sforzi compiuti la scorsa estate risulterebbero in parte vani. In sintesi bisognerà prima fare qualcosa in uscita la davanti e poi eventualmente qualcosa in entrata, ma come detto se entra uno dai costi di Balotelli uscirà uno dai costi di Balotelli. Un altro aspetto da considerare è il costo del cartellino, dato che il City valuta ancora moltissimo il calciatore. In questo momento sia che il Milan vendesse Pato, sia che il Milan vendesse Robinho (anche se quest’ultimo è più improbabile) non raggiungerebbe la cifra richiesta dal Manchester City per Balotelli e dovrebbe mettere mano al portafoglio. Questo sacrificio il Milan è disposto a farlo, ma non può permettersi di compiere un operazione da circa 30 milioni di euro (il City ne ha chiesti 35) nonostante la cessione di un big. Per cui dovrà essere ancora una volta molto bravo Raiola a compiere un miracolo dei suoi e ad abbassare il prezzo fino ad una cifra sostenibile dal Milan. In sintesi, la possibilità che Balotelli vesta rossonero c’è, il Milan ci sta lavorando, ma la trattativa si gioca su diversi tavoli e non sarà un operazione facile.

 

Avete domande o curiosità di mercato alle quali vorreste avere una risposta? Postate le vostre domande alla pagina personale di Facebook che trovate ad inizio articolo, vi risponderà il nostro esperto. Cosa aspettate?

 

Un abbraccio dal vostro esperto di mercato.