Calciomercato Juventus, Pogba e Conte: destino già segnato! Ma Marotta ha già pronto il nuovo colpo a zero…

SS Lazio v FC Juventus - TIM Supercup

CALCIOMERCATO JUVENTUS – In un lungo editoriale per TMW, Enzo Bucchioni ha parlato del futuro di due pilastri della Juventus vincente che conosciamo oggi: Pogba e l’allenatore dei bianconeri Antonio Conte. I due potrebbero salutare Torino. E’ bene usare il condizionale e sottolinearlo bene però la possibilità esiste eccome. Questa la parte di editoriale che riguarda la Vecchia Signora: ”

Se Florentino Perez non fosse il presidente del Real Madrid, lo potremmo equiparare a uno Zamparini o a un Preziosi qualsiasi per lo strano rapporto che ha con i suoi allenatori. Ne prende uno e ne vorrebbe un altro. E quando insegue qualcuno o qualcosa prima o poi lo prende. Che succede? Carletto Ancelotti è un vecchio desiderio di Florentino che l’ha cercato qualche anno fa. Poi l’ha finalmente preso quest’anno dopo tanti problemi con il Psg e, dicono da Madrid, adesso si sarebbe già pentito. Carletto non entusiasma per il gioco troppo equilibrato, il Real vuole un calcio più aggressivo, anche più spregiudicato. Non essere riuscito a girare subito a suo favore l’eterna sfida con il Barca nonostante l’arrivo di Bale, il giocatore più costoso della storia, è un altro elemento che fa pensare.

Andiamo al sodo. Quale allenatore prenderebbe oggi Florentino Perez-Zamparini-Preziosi? Provate un po’ a dire? Antonio Conte. Sì, proprio il tecnico della Juventus. Piace la grinta della Juventus (non quella di quest’anno), la voglia di attaccare sempre, di aggredire, di giocare un calcio spettacolare. L’equazione è questa: mettete in mano a Conte i grandi giocatori del Real e sarà spettacolo puro. L’operazione avvicinamento è già partita dopo un primo sondaggio dell’anno scorso. Conte vuol essere lasciato tranquillo perché ha il carattere del gladiatore e vuol provare a vincere anche quest’anno con la Juve , ma le sue ambizioni sono tante e già dichiarate. Difficilmente resterà in questa Juve che non può spendere più di tanto (come ha già dichiarato più volte) e va avanti a piccoli passi. Conte ha grandi progetti anche tattici, chi meglio del Real può aiutarlo a metterli in pratica. Provate a pensare a gente come Ronaldo, Bale e compagnia in mano a Conte….Ecco perché Florentino lo vuole. Il discorso è aperto, ma si tratta ora di mettere a posto le caselle.

Ancelotti ha detto più volte che resta in un ambiente quando si sente apprezzato, decisivi saranno i prossimi mesi. Caso mai c’è sempre a portata di mano la Nazionale dove Carletto è già stato come vice di Sacchi nei famosi mondiali del 1994 negli Usa. La Federcalcio aveva puntato dritto su Zaccheroni credendo che la storia di Ancelotti al Real potesse durare a lungo, ora le carte in tavola stanno cambiando.

Fra due settimana proprio Conte e Ancelotti si ritroveranno di fronte in una sfida dal sapore particolare, valida per il presente ma anche per il futuro.

A proposito di futuro, Marotta si sta muovendo in direzione Manchester. Spera di mettere a segno due colpi importanti, Vidic e Januzaj, un vecchio e un giovanissimo. Il difensore Vidic, una colonna del Manchester è un scadenza a giugno. Un contatto c’è stato, verrebbe volentieri alla Juventus dopo aver già sfiorato l’Italia qualche anno fa quando lo prese Corvino per la Fiorentina per poi lasciare via libera agli inglesi. Marotta, però, considerato che Barzagli ha qualche problema fisico e Ogbonna non decolla come si pensava, potrebbe anche provare a prenderlo a gennaio se il Manchester si accontenterà (pur di non perderlo a zero), di una cifra attorno ai 5-6 milioni di euro. L’obiettivo vero della Juve però è il giovane attaccante Januzaj, classe 1995, nato in Belgio da genitori kosovaro-albanesi, un attaccante esterno dal talento puro che, stranamente, il Manchester ha mandato in scadenza a giugno. Marotta ha buone entrature, spera di ripetere l’affare Pogba anche se la concorrenza è agguerritissima.

Ed eccoci a Pogba, appunto. Il presidente Agnelli ha candidamente confessato ieri che sarà difficilissimo trattenere a Torino un centrocampista di questa importanza. Se continuerà a crescere, vista la giovane età, se dovesse presentarsi qualcuno con una maxi-offerta per il cartellino e un ingaggio stratosferico per lui, la Juventus dovrebbe arrendersi. E’ l’amara verità del nostro calcio di oggi, la verità contro la quale si scontra Conte: non ci sono le risorse sufficienti.

Agnelli è il presidente, ma la cassaforte è in mano agli Elkann che chiedono bilanci in ordine perché non hanno intenzione di ripianare tutti gli anni. Serviranno anni e un profondo rinnovamento del calcio italiano per far tornare le nostre big competitive anche in Europa. Purtroppo. Quindi, tifosi juventini, preparatevi al dopo-Pogba, ma forse anche al dopo-Pirlo, altro rinnovo difficile per le cifre che chiede il giocatore”.

La redazione di calciomercatonews.com