Home Archivio articoli Napoli, De Laurentiis entusiasta di Benitez: ‘In corsa su tre fronti con...

Napoli, De Laurentiis entusiasta di Benitez: ‘In corsa su tre fronti con una rosa nuova’

CONDIVIDI

FBL-ITA-SERIEA-NAPOLI-BENITEZ
NAPOLI AURELIO DE LAURENTIIS BENITEZ- Intervistato da Kiss Kiss Napoli, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha analizzato la stagione dei partenopei a poche ore dalla gara contro il Porto: “E’ una squadra molto forte e motivata dal cambio di allenatore. Nell’ultima giornata ha segnato quattro gol e saranno molto concentrati, sarà una partita dura per noi, il tifo portoghese sarà caldissimo. Confido nella nostra capacità di reagire alle difficoltà, se ci faranno giocare ci faremo trovare pronti. Anche noi giochiamo un bel calcio con Rafa Benitez che è un maestro. Europa League? In realtà in passato la snobbavo anche io. Abbiamo dimostrato in Champions di poter competere con le grandi squadre. Quest’anno non la snobbo poichè un prosieguo della più grande manifestazione continentale. Sarebbe meglio fare un campionato europeo unitario con un giro d’affari di due miliardi di euro. Reina? Non se ne parla col dovuto clamore dei portieri, in realtà le parate loro sono dei gol non realizzati. Hanno lo stesso valore dell’attaccante ma non hanno lo stesso valore e lo stesso sostegno. Quest’anno siamo stati fortunati, Pepe è tra i migliori tre al mondo, poi abbiamo Rafael che è andato via tra le lacrime dei tifosi e mi auguro possa tornare quanto prima. Colombo è un formidabile uomo spogliatoio. Andujar, l’ultimo acquisto, è un altro di grande livello. Al momento stiamo a posto così, abbiamo grandi estremi difensori. Benitez è una persona alla quale bisogna dare il tempo necessario. Gli italiano hanno il vizio di voler bruciare sempre tutto immediatamente. Questo signore ha preso in mano un contesto nuovo, molti sono andati via, siamo terzi, con 12 giocatori nuovi, siamo in finale di Coppa Italia e stiamo facendo una buona Europa League rispetto al passato. Ma cosa vogliamo da questo signore? Poi grazie a lui abbiamo capito che per fare grandi cose in Europa bisogna giocare col 4-2-3-1 e non con l’obsoleto 3-5-2″.