Home Altre News Maltempo Italia, scuole chiuse al Sud. Alta marea a Venezia

Maltempo Italia, scuole chiuse al Sud. Alta marea a Venezia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:47
CONDIVIDI

Maltempo Italia – Da Nord a Sud: ancora disagi e problemi per quanto riguarda l’allerta meteo che sta investendo in queste ore l’Italia. Scuole chiuse

Maltempo Italia
Getty Images

Da Venezia a Matera passando per la Puglia: tanti disagi e problematiche a strade e casa che stanno affliggendo in queste ore l’Italia. I Vigili del fuoco sono dovuti intervenire per ben cinquanta volta in provincia di Materia, nel Metapontino, a causa della caduta di alberi e pali della pubblica illuminazione. Inoltre, i vari sindaci dei Comuni hanno indetto la chiusura delle scuole così anche a Napoli con l’allerta meteo lanciata dal sindaco De Magistris. Inoltre, si sono succeduti danni anche anche ai tetti delle case nei pressi Policoro, Scanzano Jonico e Montalbano. Inoltre, la situazione è sotto controllo per quanto riguarda la situazione dei fiumi e dei torrenti. Il maltempo ha investito anche le zone del Salento fin da questa mattina, con alberi sradicati un po’ ovunque. A Lecce, per esempio, è stato vietato l’accesso ai parchi con una riunione in serata del centro di coordinamento della Protezione civile. Traghetti ed aliscafi fermi per raggiungere le isole Eolie con i tanti pendolari che sono rimasti bloccati per recarsi a lavoro nell’arcipelago.

Per tutte le notizie più importanti di giornata CLICCA QUI!

Maltempo Italia, tanti danni da Nord a Sud

Da registrare l’alta marea a Venezia con un altro picco di 145 centimetri previsto per domani mattina. Ciò non succedeva dal primo febbraio del 1986 quando l’acqua arrivò anche a 156 centimetri. Inoltre, pioggia forte e vento sono stati registrati anche a Taranto con numerosi danni e disagi alla popolazione. Piogge intese anche in Campania e in Calabria con un ramo caduto vicino ad un auto a Catanzaro, che fortunatamente non ha provocato danni. Sulle Dolomiti è già pieno inverno con nevicati già abbondanti, come registrate 5 cm ad Obergeggen, 15 cm a Pennes e 20 cm a Ladurns sopra Fleres.