Eni Aluko lascia la Juve per razzismo: “La gente giudica senza conoscere”

Altro episodio di razzismo in Italia, e che stavolta coinvolge un’ormai ex calciatrice della Juventus, parliamo di Eni Aluko.

aluko @ getty images

Altro episodio di razzismo in Italia, e che stavolta coinvolge un’ormai ex calciatrice della Juventus, parliamo di Eni Aluko. Dopo l’episodio che nelle scorse settimane ha riguardato Mario Balotelli con i tifosi dell’Hellas Verona ad insultarlo, stavolta tocca alla calciatrice che si affida al The Guardian per esternare il suo malumore. Arrivata nell’estate del 2018, è ora andata via, ed ha confessato che tra i motivi del suo addio c’è soprattutto la forte forma di razzismo ancora presente in Italia.

Leggi anche —> Razzismo, da Balotelli a Dalbert: quanti casi in Italia 

Eni Aluko, un problema esternato sei mesi fa

Leggi anche —> Calcio e razzismo, dall’Italia all’Inghilterra: tutti i dati della vergogna

La calciatrice infatti ha parlato della situazione venutasi a creare in quel di Torino ed ha messo in risalto che fa male come: “La gente ti guarda, ti osserva e ti giudica, senza in realtà conoscerti”. Parole forti che pesano come macigni quando afferma: Mi sono stancata di entrare nei negozi e sentirmi come se il proprietario si aspettasse che gli rubassi qualcosa. O di entrare nell’aeroporto e sentirmi come Pablo Escobar per come mi controllano”. 

Leggi anche —> SPECIALE CM.IT – CALCIO E RAZZISMO, ITALIA SOTTO ACCUSA: SANZIONI FANTASMA

eni aluko razzismo

Eni Aluko, la voglia di andar via

Leggi anche —> SPECIALE CM.IT – Calcio e razzismo, i dati della vergogna: ‘sorpresa’ Inghilterra

La calciatrice poi non può che rifarsi ad un concetto culturale e affermando che c’è bisogno di una vera e propria evoluzione in quella che la conoscenza della popolazione affinché questo problema possa essere estinto. Infine, non può che appellarsi anche a Chris Smalling della Roma dichiarando che: “Anche il difensore giallorosso si troverà d’accordo con le sue parole con la necessità di tempo affinché si apprendano diverse culture”.

eni aluko razzismo
aluko @ getty images

Leggi anche —> Inter, Lukaku: “Razzismo? Risponderò. Se vuoi i campioni devi accoglierli”

G.S.