Home Ultim'ora Calciomercato Roma, Pastore bocciato dal ‘Cds’: “Un ex”

Calciomercato Roma, Pastore bocciato dal ‘Cds’: “Un ex”

CONDIVIDI

Calciomercato Roma, dónde estás Flaco? Il ‘Cds’ boccia Pastore

Pastore Calciomercato
Pastore (Getty Images)

La Roma ieri ha collezionato l’ennesima sconfitta stagionale. Tra i peggiori si è evidenziato Javier Pastore, ancora fuori dagli schemi di Di Francesco e definito “un ex” dal ‘Corriere dello Sport’

E pensare che sarebbe dovuta essere la sua partita. Anche ieri contro il Viktoria Plzen Javier Pastore non ha lasciato il segno, o meglio, ha portato a casa l’ennesima brutta prestazione da quando è arrivato nella Capitale. La sconfitta della Roma contro la modestissima compagine ceca in Champions League, di per sé indolore vista la qualificazione già ottenuta, ha però ancor di più certificato il momento nero degli elementi in rosa, tra i quali figura proprio l’argentino. Il ‘Corriere dello Sport’ nelle sue pagelle finali non ha neanche dato un voto alla prestazione del centrocampista offensivo, definendolo “sfiduciato e fuori dal progetto” e imputandogli di sembrare un ex giocatore, lontano dagli stadards con i quali aveva abituato.

Pastore infatti sarebbe dovuto essere l’acquisto di lustro del mercato estivo dei capitolini, in quanto designato come l’elemento in grado di far fare il salto di qualità alla squadra. Di lui però, eccezion fatta dei due splendidi gol di tacco contro Atalanta e Frosinone, si sono visti solamente i tratti negativi. Tra infortuni e partite sottotono, il Flaco sta tradendo ampiamente le aspettative di tifosi e addetti ai lavori.

Par tutte le notizie più importanti della giornata CLICCA QUI!

Calciomercato Roma, urgono riflessioni su Pastore: la situazione

Anche nella gara di ieri Pastore è apparso un pesce fuor d’acqua. Schierato titolare dopo mesi passati in infermeria, il trequartista si è posto tra le linee non riuscendo però a incidere in alcun modo. Con Lorenzo Pellegrini e Zaniolo in netto miglioramento per prestazioni sulla trequarti e con una qualificazione in Champions da conquistare, l’ex PSG potrebbe vedersi definitivamente relegato in panchina per tutto il resto della stagione, qualora non invertisse il proprio rendimento.

A giungno poi bisognerà prendere assolutamente delle decisioni. Visto un contratto appena firmato fino al 2023 e un ingaggio che sfiora i 4 milioni a stagione con i bonus, non è esclusa una sua partenza in estate, qualora si presentasse l’opportunità